Bar Sportsocietà

Juventeide: Mister Allegri chiama l’orgoglio per ripartire e il messaggio crepuscolare di un dirigente

Sul campo da Salerno arrivano punti preziosi, le indagini proseguono ma la Juve vuole ricominciare

(continua dopo la pubblicità)
(continua dopo la pubblicità)

 

 

Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, ha parlato in conferenza stampa martedì sera dopo la vittoria per due reti a zero contro la Salernitana. Queste le sue parole riportate dal sito ufficiale del club bianconero: “La squadra ha fatto una buona prestazione, su un campo non semplice: veniamo da un periodo di grossa pressione, ci siamo parlati, e ci siamo detti che dobbiamo avere senso di responsabilità, perché la Juve ci ha dato tanto in questi anni. Abbiamo gestito bene la palla, ma dobbiamo ancora migliorare nell’accelerazione fra le linee. Abbiamo giocatori di talento, ma solo commettendo errori si capiscono bene le situazioni della partita: i ragazzi stasera si sono messi tutti a disposizione, in questo modo si può migliorare, con l’aiuto dei giocatori più esperti. Poi, chiaramente, siamo in ritardo, e quindi dovranno essere i risultati a farci lavorare con maggiore serenità. In momenti come questi la cosa migliore, secondo me, è semplificare. Oggi ho parlato ai giocatori per lavorare sul livello mentale, ricordando loro che adesso tocca a noi dare qualcosa in più. Abbiamo un progetto con ragazzi che devono ancora fare esperienza, e l’esperienza si fa solamente giocando e passando anche attraverso i momenti difficili. La società ci sta vicina, sono tutti molto presenti, il DNA Juve deve rimanere e rimane, al di là dei cicli della vita: quella di quest’anno è una bellissima sfida”.

Intanto, lontano dal rettangolo verde di gioco e allenamento, tiene sempre banco il capitolo legato alle indagini, per presunte plusvalenze “pompate”, che vedono la Vecchia Signora di Torino al centro di un’inchiesta ordinaria e di un’altra sportiva. Il Corriere della Sera, tra voci, indiscrezioni, rumors e anticipazioni ha pubblicato il contenuto,di un messaggio… crespuscolare, inviato via whatsapp nel mezzo dell’ultima estate, da un dirigente bianconero: “Pensavamo di raggiungere il Real, ma è stato comunque un sogno bellissimo”.

Già finito il tempo di sognare, questi in casa Juve sono i giorni del risveglio: è infatti tempo di ripartire con nuovi orizzonti sostenibili, giovani e pratici.

(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

(continua dopo la pubblicità)
Due parole su questo sito blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie