Bar Sportsocietà

Sotto indagine e col mercato di riparazione nel mirino, la Juventus punta la Salernitana

Il momento è topico per i bianconeri e le dichiarazioni di Buffon e Brambati fanno rumore

(continua dopo la pubblicità)
(continua dopo la pubblicità)

 

All’orizzonte, oltre all’indagine in corso (la giustizia ordinaria indaga a pieno regime, quella sportiva si è messa in moto) c’è Salernitana – Juventus, match da vincere per i bianconeri juventini. Ma a far rumore sono pure le dichiarazioni dell’illustre ex portierone Buffon e del procuratore, molto informato sui fatti, Brambati.

“Se devo prendere individualmente i giocatori della Juve sono tra i primi due-tre del campionato, non li vedo inferiori a quelli di Milan, Inter o Napoli, bisogna vedere se insieme riescono a fare squadra e gruppo”. Sono le parole di Gianluigi Buffon, portiere del Parma, ai microfoni di Sky Sport dopo l’1-1 contro il Como.
L’ex difensore e oggi procuratore Massimo Brambati invece, così ha parlato a Maracanà, nel pomeriggio di lunedì sulle webfrequenze TMW Radio:
“Io credo che ora non sia neanche il quarto posto l’obiettivo di Max Allegri, ma partita dopo partita, il trainer punta a volare a vista. Ribadisco che non era l’allenatore ideale per questo. Mi suona male una frase di Andrea Agnelli, quando ha detto ‘Sempre la Juve prima di tutto’, invece l’orgoglio nel non richiamare Conte è venuto prima dell’interesse della Juventus. La famiglia invece era intenzionata a riprenderlo. Conte poi è uomo mercato, che detta certe linee precise. E’ uno che ha un progetto in testa e sa già quali sono le pedine giuste per quel progetto. Poi dico sei il direttore della Juve, hai odorato che Ronaldo se ne vuole andare, c’è libero Dzeko e costa due milioni, io dirigente mi impegno per prenderlo comunque per ‘pararmi’. Quello è stato un ulteriore errore della società. Dzeko lo prendi a prescindere, ce lo avevi in mano da maggio. E aggiungo: sono stato a cena con una persona che mi ha detto che Allegri avrebbe firmato un contratto che non è realmente di quattro anni ma alla fine del secondo anno la società, se non è contenta, può rescindere senza ulteriori aggravi economici. Ronaldo ha sempre coperto le magagne. Ronaldo lo scorso anno alla tredicesima, avendo saltato due partite, ha segnato tredici gol. I suoi gol totali hanno portato 32 punti alla Juve. Ha coperto le magagne con Pirlo e Sarri”.
Così parlarono Buffon e Brambati, aspettando news dai tribunali e dal calciomercato… palla al campo.
Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie