Bar Sportsocietà

Il giornalista Mattioli: “Alla Juve manca un nome forte all’interno dello staff dirigenziale”

Comunque i problemi juventini iniziano nel 2018 quando Fabio Paratici prese il posto di Marotta

 

 

Ok la Juve è un team fisiologicamente a fine ciclo dopo aver vinto, tanto, per 10 anni di fila, ma i problemi della Vecchia Signora, a pensarci bene… cominciano da lontano, vale a dire dall’allontanamento del general manager Marotta datato autunno 2018. E a quei tempi le cose, ai bianconeri, beh giravano ancora benissimo. Grande esperto di calcio, calciatori e scopritori di talenti, Fabio Paratici, direttore sportivo della Juve sino alla scorsa estate non è riuscito a sostituire l’ex amico e braccio destro. Anzi, l’ha fatto rimpiangere assai.

Parallelamente, il vicepresidente Nedved, sin qui non ha emulato dietro la scrivania le grandi imprese che faceva in campo quando giocava, mentre Cherubini (nuovo direttore sportivo) e Arrivabene (neo general manager) mah … devono probabilmente calarsi appieno nella nuova e rinnovata parte che gli spetta.

Ergo, forse il giornalista, appassionato esperto di pugilato,Mario Mattioli a Maracanà, nel pomeriggio di TMW Radio, parlando del momento della Juventus e del ko contro il Chelsea ha sottolineato un aspetto importante: “Non ho mai visto una cosa del genere. Ho visto una squadra contro undici dopolavoristi. Non si può giocare in quella maniera. Se anche l’allenatore è uscito di senno e non ha dato alcuna indicazione, se ti chiami Chiesa o De Ligt sai cosa devi fare in una partita del genere. Vedere la Juve fare una figura del genere è stato offensivo per i tifosi e per il calcio italiano. Nello spogliatoio entra Allegri, ma poi della società chi, Arrivabene? Manca una figura importante. Ha quasi fatto impallidire il 6-2 della Roma contro il Bodo Glimt. Non c’è stato l’impegno dei giocatori in campo. I valori sono sotto gli occhi di tutti, da un parte i campioni d’Europa, dall’altra una squadra settima in Serie A”.

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button