Bar Sportsocietà

Anche grazie a un dirigente del calibro di Marotta, l’Inter Milano resta in lotta per lo Scudetto

Intanto sul fronte societario arrivano rumors tra Cottarelli, il Milan e ... un fondo arabo

 

Anche grazie a un dirigente del calibro di Marotta, tra i migliori calciofili sulla piazza, nonostante i problemi e l’incertezza societaria, l’Inter Milano ha battuto il Napoli e rimane in lotta, con lo stesso Napule e il Milan, per lo Scudetto. Intanto però nei giorni scorsi, qualcosa si è smosso e altrettanto si smuoverà…

“Interspac è un progetto difficile. Quello che ha detto Zhang durante la recente assemblea dei soci interisti? Il senso che è stufo di sentir parlare di azionariato popolare senza una proposta concreta”. Così ha parlato Carlo Cottarelli, economista e presidente di Interspac, direttamente dal Social Football Summit di Roma: “Noi stiamo lavorando con Deloitte per preparare un progetto che a tempo debito presenteremo alla società. Un progetto di azionariato non esclude, anzi, beneficerebbe di investitori più corposi. Non ci sono solo piccoli investitori, ma anche medi e grandi. L’idea è di avere una quota elevata di soci, per concretizzare questa idea servono le condizioni giuste. Un nuovo stadio a Milano? L’importante è che si modernizzi San Siro, sono neutrale sul fatto di farlo nuovo o ristrutturare l’attuale. In caso di nuovo stadio comunque bisognerebbe puntare più a un modello come quello del Bayern e non a quello della Juve che ha 41 mila posti. Bisogna puntare su stadi di maggiore capienza. La Superlega? È un modello di business che non funziona perché i tifosi l’hanno rigettata. A me non piace”

Così quindi parlò l’economista cremonese, (futuro candidato alla presidenza della Lombardia per il centrosinistra?), Cottarelli, grande tifoso dell’Inter impegnato, in prima persona, per creare le condizioni atte a gettare le basi per lanciare, in Italia, l’azionariato popolare per sostenere economicamente il sistema calcio.

Intanto secondo rumors insistenti, per carità nulla di ufficiale quindi condizionale d’obbligo, il fondo arabo Pif starebbe per chiudere l’acquisto del team nerazzurro dal gruppo Suning dopo, udite, udite … aver chiesto ad Elliot, l’eventualità di discutere la possibilità di rilevare il Milan.

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie