Bar SportFocus

E se il futuro dirigenziale della Juve fosse sotto il segno dei fratelli Chiellini?

Giorgio gioca ancora ed è un Totem ascoltato, il fratello sta facendo bene al Pisa

 

 

Vuoi vedere che, con tanti saluti a Pavel Nedved e Federico Cherubini, domani o dopo, la Juventus ripartirà dai fratelli Giorgio (prima o poi dovrà pur appendere le scarpe al chiodo, no?) e Claudio Chiellini (attuale direttore sportivo del Pisa, con un passato dirigenziale proprio alla Juve recentissimo, ndr) rispettivamente nelle vesti di vicepresidente e diesse? Mah …

Intanto hanno fatto parecchio discutere le dichiarazioni rilasciate dall’acciaccato Giorgio Chiellinischieratosi, dal ritiro della nazionale azzurra, apertamente a favore della Superlega. Nel suo corsivo per il Corriere dello Sport, il direttore Ivan Zazzaroni (pezzone poi ripreso da Tuttomercatoweb.com) sottolinea … “come se un discorso del genere l’avesse pronunciato il presidente di un club, o un giornalista, nessuno si sarebbe scandalizzato, tutt’altro. Ma se a farlo è un calciatore in attività, oltretutto consigliere (ascoltato) dell’AIC, beh, lo stupore è forte”. Zazzaroni prosegue: “Se ho ben capito, desidera tornare al 2016/17 senza Var, al 1864 senza il fuorigioco, nato insieme al calcio e in seguito modificato gradualmente, al 1992 per il passaggio al portiere, all’87-88 per il campionato a 16 e al 2004 per quello a 18.Chiellini è “come quei livornesi che si inventarono trentasette anni fa le teste di Modigliani”: furono in molti a ridere, ma “Sgarbi ha appena dedicato loro una mostra”.

Insomma, ascoltato nello spogliatoio azzurro e in quello bianconero (pure mister Max Allegri lo considera un Totem e si confronta spesso con lui, ndr), carismatico, laureato, capace di esprimere pensieri e concetti, dai, dopo aver sbaragliato la concorrenza degli ex compagni Del Piero, Buffon e Barzagli, sì Chiellini è pronto, quando lo vorrà a trasferirsi nella sede sociale bianconera. Scommettiamo?

 

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie