Bar Sportsocietà

Il rinnovo di Dybala? Lo spieghi l’ex direttore Paratici. Il procuratore Raiola punge e apre

Il passivo della Juve 2020 - 2021 è pesante, tra la voglia di ripartire e di sognare ancora

 

Allora domenica sera, in casa a Torino, la Juventus contro il Milan si gioca la concreta possibilità di rimettersi in gioco, ma deve vincere. Detto questo, nella casa bianconera tengono banco parecchi discorsi, iniziamo dal rinnovo di Dybala, attaccante venduto dall’ex direttore sportivo Paratici allo United 2019 (scambio con Lukaku?) e ritornato, causa il suo rifiuto ad andare in Inghilterra, al centro del villaggio. Ma sentitosi trattato come un pacco, oggi, il fantasista argentino prende tempo, ma salvo colpi di scena, alla fine dovrebbe rimanere alla Juve. Cherubini e Arrivabene però dimostrino di essere all’altezza della ricostruzione bianconera, magari dopo un colloquio chiarificatore con Paratici.

Ah … l’esercizio 2020/2021 chiude ufficialmente con una perdita consolidata di 209,9 milioni di euro, rispetto alla perdita di 89,7 milioni di euro dell’esercizio precedente. Nel dettaglio, l’incremento della perdita dell’esercizio è principalmente dovuto a minori ricavi per 92,7 milioni, correlati sia agli effetti direttamente imputabili alla pandemia sui ricavi da gare e da vendite di prodotti, licenze e altri (47,9 milioni complessivi), sia a minori proventi da gestione diritti da calciatori (128,8 milioni).

 

Ciò detto. Mino Raiola, potente procuratore calcistico e amico del vicepresidente juventino Nedved (grande giocatore, ma dirigente magmatico), così si è espresso nelle scorse ore:  “Sono dispiaciuto per come è stato trattato Donnarumma. Lui ha fatto una scelta di vita, non c’è stato nessun tradimento. Poteva andare via 4 anni fa e non l’ha fatto”. L’ agente del portiere ex Milan, attualmente al PSG, e della Nazionale italiana, in un’intervista alla Rai ha poi aggiunto: “Se è stato vicino alla Juventus? Penso che la Juventus abbia ancora un grande rammarico per non averlo preso. E non solo la Juventus. Tra Gigio e Navas al PSG non c’è lotta, giocherà Gigio. Il contratto di Pogba scade il prossimo anno. Parleremo con il Manchester e vedremo, di sicuro Torino gli è rimasta nel cuore e a queste cose lui ci tiene molto – le parole di Raiola rilasciate alla tv nazionale italiana – La possibilità che torni alla Juventus c’è ma dipende anche dalla Juve”.

Ora però palla al campo, è tempo di big match, ergo … Vecchia Signora batti un colpo se ci sei ancora!

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button