Bar Sportsocietà

E finalmente la Juve si incacchiò, con Mendes: “Chi vuole Ronaldo cacci i soldi o calciatori graditi”

Questione di ore e capiremo quale sarà la nuova squadra di Cr7. Ah che mercato Rock

 

 

Nessuna nuova, buona nuova? Dipende dai punti di vista, ma l’incontro fra Jorge Mendes e la Juventus: in ballo il futuro di Cristiano Ronaldo, non ha portato gustose novità. Almeno per il momento, che la carne al fuoco è parecchia. Durante il colloquio, la Juventus ha tenuto la barra dritta, ribadendo quel che già si sapeva. Cioè che non libererà Cristiano Ronaldo a zero: al di là dell’aspetto tattico e della sua importanza per la squadra, troppo pesante l’effetto economico negativo che un’operazione del genere porterebbe, tale da non far ingolosire neanche di fronte alla prospettiva di un maxi-risparmio come sarebbe quello sull’ingaggio. Una risposta che, pur in assenza di una vera e propria offerta, non pare collimare coi piani del Manchester City, pronto a garantire l’ingaggio di Ronaldo ma non i quasi 30 milioni di euro che servono alla Vecchia Signora. Ora la palla torna al Psg, ma soprattutto,alla fine ufficiale del calciomercato che si avvicina: più tempo passa, più la cessione di Ronaldo diventa complicata, altro aspetto da tenere in considerazione.

Nota a margine: probabilmente la Juve poteva e doveva affrontare prima questa patata bollente, ma è altrettanto vero che i nuovi dirigenti Arrivabene (parte economica) e Cherubini (parte sportiva) si sono appena insidiati e non è semplice per loro operare senza poter contare su un budget importante, ma devono dimostrare di essere all’altezza del delicato e tosto compito.

Detto ciò, pure Cr7 e Mendes, offrendosi a destra a sinistra, sin qui senza ottenere grandi risultati, beh che figura stanno facendo?

Aspettando le mosse del Psg (Icardi alla Juve, Mbappè al Real e Ronaldo a Parigi?), il rilancio (il team ha l’accordo col giocatore) del City o una dichiarazione dello stesso attaccante portoghese, questo per il momento è quanto!

Ah … la Vecchia Signora e Allegri gradirebbero riavere Moise Kean (Everton), per quanto riguarda il centrocampo intrigano Tolisso e Witsel, mentre dal City uno tra Gabriel Jesus (attaccante) e Laporte (difensore) piacciono assai.

 

Stefano Mauri

 

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button