Economysocietà

Arianna Larini: “Lo zafferano italiano artigianale è tra i migliori al mondo e va conosciuto”

Dopo la laurea e gli inizi con un lavoro finanziario la svolta di lanciarsi nell'agricoltura sostenibile

 

 

Anticamente lo zafferano trovò nel terreno a nord del fiume Po una zona tanto fertile e ricca di sostanze da diventare la rigogliosa spezia magica di tutti i nobili del ‘500,ed era una delle spezie principali, quindi un dono, che gli Sforza e i Visconti regalavano ai diplomatici e ai nobili in visita a Milano. Tornando ai giorni nostri, dalla Bassa Cremonese, o meglio, Casalasca, precisamente a Isola Pescaroli di San Daniele Po, arriva, l’eccellenza agreste Slow Food denominata Prima Zafferano (www.primazafferano.it), con la spezia nella fattispecie coltivata e raccolta in stimmi, capace di arricchire ricette classiche e sperimentali e generosa di benefici per la salute. Con Arianna Larini, frizzante, propositiva, creative Deus Ex Machina appassionata della bella realtà agricola di San Daniele, volentieri abbiamo scambiato quattro chiacchiere.

Quando ti sei scoperta zafferanista?

Nel 2018 piantammo, in un terreno dell’azienda agricola familiare i primi fatidici 7000 bulbi per tastare, dal vivo, la vocazione dei nostri terreni alla coltivazione della spezia e… da lì partì la nostra avventura. Quest’anno siamo al  .

Sbaglio o per darti per così dire all’agricolturahailasciatotutt’altraattivitànellametropolimeneghina?

Sono laureata in Economia e specializzata in Marketing aziendale e lavoravo in ambito bancario e finanziario. Quindi sì ho mollato Milano e praticamente   sono tornata a casa, alle origini intraprendendo appunto una nuova attività.

Pentita della scelta fatta?

Assolutamente no, tutt’altro: tornassi indietro rifarei tutto prima, così avrei avuto l’opportunità di interagire con mio nonno, purtroppo scomparso proprio in concomitanza dell’avvio di Prima Zafferano. La mia famiglia ha tradizioni agricole e sono tornata anche per non disperdere le nostre origini. Insieme alla cosiddetta agricoltura tradizionale e alla coltivazione dello zafferano cui sono destinati una parte di terreni, abbiamo un pioppeto e stiamo per partire con vari progetti che vanno dalla coltivazione di piante officinali, alla trasformazione dei pistilli alla produzione di miele, distillati e birra allo zafferano e a una sinergia con l’azienda dolciaria cremonese Tosca per produrre cioccolatini a base di cioccolato fondente e, ovviamente,zafferano.

Hai molta carne al fuoco mi pare di capire.

Esattamente.

Quella di intraprendere un’agricoltura sostenibile, può essere una strada da percorrere per ripartire dalla crisi economica scoppiata in concomitanza con la pandemia sanitaria?

Penso proprio di sì, ma occorre cambiare le abitudini degli italiani aumentando la conoscenza in materia alimentare. Lo zafferano artigianale italiano è tra i migliori al mondo ed è prodotto nel pieno rispetto della natura e della massima qualità della materia prima. Facciamo, per intenderci, qualcosa di molto diverso rispetto alle classiche bustine di zafferano acquistabili al supermercato ed è importante conoscere tali differenze per capire cosa e come mangiare. Prima Zafferano è presidio Slow Food nell’ambito della Condotta di Cremona, adesione utile per far comprendere cosa facciamo e come lavoriamo. Il Made in Italy è sinonimo di qualità nel mondo. E la mia filosofia di agricoltura sostenibile risponde a tali canoni.

 

Stefano Mauri

 

 

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie