Focussocietà

Vanessa Ferrari: “Non ho mai discriminato nessuno, respingo ogni accusa”

La ginnesta italiana, suo malgrado nella bufera, si difende. E ha ragione su tutto

 

 

“Vengo attaccata con commenti e insulti per una frase razzista, nei confronti di Simone Biles , che non ho mai detto! Questo e stato detto da una mia compagna di nazionale, nel 2013, e io non c’entro niente.

Qualcuno ha incolpato me ingiustamente e questo viene condiviso senza prima verificare che questo sia vero. Io credo che prima di condividere dovreste informarvi, basta cercare su google ed è chiaro chi è stato a dire questo. Quelli che stanno condividendo questo contro di me dovrebbero farsi un esame di coscienza, perché stanno incolpando la persona sbagliata. Inoltre il video che viene condiviso mostra quando mi sono infortunata rompendomi il tendine di Achille, se condividi questa falsa informazione non sei migliore di chi ha detto la frase razzista.

Informatevi”

Impegnata alle incerte (il Coronavirus, bastardo e maledetto non concede tregua) Olimpiadi di Tokyo, Vanessa Ferrari da Orzinuovi (Brescia), anziché pensare esclusivamente ad allenarsi, suo malgrado ha pure altri pressanti pensieri. E nelel scorse ore ha appunto affidato ai social il messaggio sopra postato.

Ecco, non sono ancora quindi iniziati i suoi giochi olimpici, che … già la ginnasta azzurra è impegnatissima a fare salti mortali. Nella fattispecie, non per gareggiare, ma per difendersi da assurde accuse, postume e sbagliate, di razzismo nei confronti di Simone Biles. Tutta colpa di una vecchia dichiarazione di Carlotta Ferlito dopo la finale alla trave dei Mondiali di Anversa, dove l’ex azzurra e l’iridata si erano piazzate rispettivamente al quarto e quinto posto dietro la Biles.

Una frase infelice ripescata ieri da un post social: “La prossima volta io e Vanessa ci dipingeremo il volto di nero per vincere”. Uno scivolone dettato dal calore della contesa e immediatamente seguito dalle scuse dell’atleta e della federginnastica. Un caso chiuso, sepolto sotto una coltre di polvere di magnesio. Ma nonostante il diritto all’oblio, il web non dimentica e così la questione, da cui la Ferrari si è sempre chiamata fuori, è tornata alla ribalta. Appena rilanciata quella vecchia dichiarazione non sua, Vanessa è stata colpita da una vera e propria shitstorm, da cui ha dovuto difendersi col post social prima menzionato.

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button