Focussocietà

Gloria Capitano, Signora della Notte e imprenditrice: “Non confondiamo i disturbatori con chi protesta. Siamo stremati”

Da Crema arriva la testimonianza lucida dalla titolare di un locale aperto solo per asporto

 

 

Per carità la salute è importante, va tutelata è la pandemia, ancora in pieno corso purtroppo, da Coronavirus non ammette distrazioni. C’è però tuttavia pure la crisi economica a minacciare fortemente il presente, con categorie quali baristi, ristoratori, commercianti letteralmente in ginocchio. E gli scontri di martedì scorso 6 aprile a Roma, tra persone affamate provate dall’emergenza sanitaria, o meglio tra disturbatori (perché c’è chi ha protestato civilmente e merita attenzione) e le Forze dell’Ordine, mah … non promettono nulla di buono. Ecco il parere in merito di Gloria Capitano, “Signora della Notte Cremasca” e della Movida (la notte da’ lavoro e divertimento, non va criminalizzata) e titolare del meraviglioso “Babar”, locale che accende Crema.
“Facciamo il solito gioco di quei 4 giornalisti che mostrano solo il momento in cui alcuni facinorosi, come sempre, hanno provocato qualche tafferuglio, ma guardiamo come ieri a Roma ci fossero a manifestare centinaia di lavoratori perbene, gente “normale” che dopo un anno di promesse e di rinvii non ce la fa più ad andare avanti, a sopravvivere, che chiede solo di lavorare o di essere aiutata a sopravvivere.
liquidare e condannare migliaia di persone disperate, che non hanno entrate da mesi, come 4 delinquenti qualsiasi, rischia di diventare veramente pericoloso, una vera bomba sociale, non potete più ignorarci, la misura è colma, dobbiamo e vogliamo lavorare, non possiamo più aspettare, di tempo per organizzarsi gliene abbiamo lasciato tanto, il nostro tempo dell’attesa ormai è finito”.
Così postò sulla sua pagina Facebook Gloria Capitano, “Signora della Notte” e Donna del Fare …
Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button