Bar Sportsocietà

Silvano Usini, ex pugile: Marvin Hagler si complimentò dopo un mio match e mi diede una carica incredibile

Il campionissimo di pugilato cremasco ricorda il suo incontro con The Marvelous

Marvin Nathaniel Hagler (Newark, 23 maggio 1954 – Bartlett, 13 marzo 2021) è stato un pugile e attore statunitense, Campione del Mondo dei pesi medi unanimemente riconosciuto dal 1980 al 1987. Era soprannominato dai suoi tifosi e ammiratori “The Marvelous” (in italiano Il Meraviglioso). La International Boxing Hall of Fame lo ha riconosciuto fra i più grandi pugili di ogni tempo.

Negli anni scorsi, dopo il ritiro, Hagler ha vissuto a Milano, laddove come ha ricordato via social, dalla sua pagina Facebook, il giornalista sportivo e appassionato di pugilato Cesare Castellani, anni fa si incrociò un allora giovanissimo novizio Silvano Usini a bordo ring. E con Silvano, ex boxeur e campionissimo della Noble Art Italica,  abbiamo ricordato quel momento.

Quando hai avuto il privilegio di diciamo “imbatterti” in nientepopodimenoche, con “The Marvelous”?

Ricordo bene quei momenti, anche se è passato moltissimo tempo. Accade al termine di un mio match, il secondo da dilettante, vinto prima del tempo come spesso mi capitava, a Spino d’Adda, in provincia di Cremona, a pochi chilometri dal capoluogo milanese.

Ricordi cosa ti disse?

Si complimentò dicendo che l’avevo impressionato con colpi e numeri importanti. E detto da lui che era una leggenda mi diede una pazzesca dose di adrenalina e autostima. Sì quell’incontro mi caricò, grazie a Marvin Hagler capii che avevo scelto giusto lasciando il calcio per dedicarmi al pugilato.

Mancano oggi figure come Hagler alla boxe vero?

Certamente, ma è il solito discorso che ripeto da anni. “The Marvelous” era classe, potenza, eleganza, intelligenza, disciplina e umiltà: lui ha fatto la storia dell’arte pugilistica.

Sponsorizzi, con la tua “Carrozzeria Italia” di Bagnolo Cremasco, la palestra trevigliese “Boxe Treviglio”. Sai che i giovani pugili trevigliesi avrebbero una voglia matta di essere allenati da te?

Quella del maestro è una carriera che per oggi non mi attrae. Ma non farò mancare il mio sostegno agli amici della “Boxe Treviglio”.   

 Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button