Salutesocietà

Il dottor Borghetti: guardia alta, polmoniti da Covid in aumento. Servono vaccini subito

Da Crema arriva la richiesta del medico radiologo: non c'è più tempo da perdere

 

 

Guardia alta e più vaccini subito per mettere in sicurezza il territorio Cremasco: questa la ricetta del dottor Maurizio Borghetti per contrastare questa maledetta terza ondata da Covid 19 con varianti. Ecco il post di Borghetti:

 

 

Finito da poco (durante turno di guardia notturna) di guardare le Tac torace di oggi e sono 17 le nuove polmoniti (sempre riferite ai residenti del cremasco). Non sono poche e quindi consiglio/raccomando di stare in guardia pure voi e di spronare figli, nonni, altri parenti, amici ecc a fare attenzione soprattutto nell’uso corretto della mascherina e nel distanziamento da altri.

Mi chiedo una cosa, o meglio la voglio chiedere anche agli amministratori, politici: ad oggi (dato del sito del governo) in Lombardia sono stati usati il 68,2% dei vaccini consegnati. Sono stati emessi i bandi per assunzione di personale medico e infermieristico retribuito ai fini del servizio di somministrazione. Bertolaso ha ipotizzato, per lo stesso scopo, la precettazione degli specializzandi. Ora che vadano a buon fine bandi e querelle e si perfezioni l’organizzazione un po’ di tempo passa. Il vaccino per ora meno usato è Astrazenica che, come è noto, prevede la II dose a 3 mesi circa e in GB (come Pfizer in Israele) ha dimostrato di indurre buone risposte anticorpali già con la I dose. Qui abbiamo una squadra pronta di volontari non retribuiti in numero tale da poter diversificare i turni ampliando l’arco delle ore giornaliere di vaccinazione e magari accelerando le procedure, sempre in sicurezza per il ricevente. Se ci fornissero più dosi adesso, visto che in parte non sono utilizzate e comunque verranno reintegrate dalle forniture successive, potrebbe essere possibile mettere anticipatamente in protezione questo territorio e non solo Soncino (che è a un tiro di schioppo e l’incremento delle polmoniti non deriva solo da lì). Non mi pare di dire una eresia. 

“You’ll never walk alone” cantano a Liverpool…

Dai Burdèl che ghe la fèm…

 

 

Così postò sulla sua pagina Facebook nei giorni scorsi il dottor Maurizio Borghetti, medico radiologo, ma soprattutto DocRock e informatore scientifico.

 

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button