Salutesocietà

Lo sfogo, condivisibile, del dottor Agostino Dossena: la priorità è arrivare il prima possibile all’immunità

Il medico cremasco, via social torna a dire la sua: è fondamentale accelerare coi vaccini

 

 

Medico specialista in Anestesia e Rianimazione, il dottor Agostino Dossena, preciso, sicuro, sereno e mai banale informatore scientifico attraverso il suo sito internet (agostinodossena.it), ecco non è uno che posta, scrive o dice tanto per fare. Ecco allora perchè il suo seguente sfogo, in questi tempi cupi d’emergenza sanitaria, beh è tanto squarciante, quanto illuminante. E chi di dovere dovrebbe iniziare a prendere in considerazione il pensiero del dottor Dossena e di altri medici.

 

Permettetemi uno sfogo: siamo in emergenza, mancano i vaccini, Johnson & Johnson ha pronto un vaccino monodose, l’FDA americano l’ha validato e in USA si è già cominciato a somministrarlo. Noi aspetteremo che l’EMA all’incirca a metà marzo darà il suo benestare, poi bisognerà aspettare quello dell’ AIFA, prima di fine mese non inizieremo.

Ma dico io, a fronte del parere positivo dell’ FDA, che con tutto rispetto non è l’ente certificatore del paese dei balocchi e a cui molti enti statali fanno riferimento, non è possibile in emergenza iniziare la somministrazione, nel frattempo EMA faccia pure il suo percorso.

Bene hanno fatto San Marino, Ungheria e Repubblica Ceca che, pure facenti parte della UE non hanno aspettato e hanno iniziato una vaccinazione a tappeto e arriveranno prima di noi all’immunitá di gregge.

 

Così postò nei giorni scorsi sulla sua pagina Facebook il dottor Agostino Dossena.

 

 

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button