Economysocietà

Gian Regazzetti: pronto a valorizzare il territorio insieme all’arte del tatuaggio

Un tatuatore pronto a lanciare un'iniziativa tesa a valorizzare il turismo di prossimità in provincia

Titolare di tre centri per tatuaggi, rispettivamente a Crema, Piacenza e Cremona, Gian Maria Regazzetti, in arte Gian, ecco attraverso il suo circuito Eleven INK Tattoo, o meglio, grazie agli artisti tatuatori, vere e proprie istituzioni, che collaborano coi suoi laboratori, beh sta per lanciare un sistema attento al cosiddetto turismo di prossimità per valorizzare le città lombarde (e dintorni) nelle quali opera… Chapeau!

Cose bolle nella tua pentola?

Con me collaborano i migliori Tattoo Artist italiani, senza dimenticare che periodicamente riusciamo a coinvolgere autentiche celebrità internazionali del calibro di Space One e Kelly Red. Tatuatori, artisti questi in grado di attirare gente da ogni dove per farsi tatuare. E partendo da questo presupposto siamo pronti a lanciare pacchetti contenenti l’opportunità di farsi tatuare, una cena o un pranzo tipico anche d’asporto verso lo studio e la possibilità di visitare la città che ospita l’Eleven INK Tattoo di riferimento. A Cremona solo per fare un esempio potremmo andare a coinvolgere mete turistiche quali il Museo del Violino e il Torrazzo, la leggendaria torre campanaria del Duomo cremonese da … scalare. Facciamo arte in un certo senso e coinvolgere altre bellezze artistiche e la bellezza in generale deve e può diventare il nostro naturale sbocco. E su questa lunghezza d’onda ho elaborato appunto un sistema adeguato per promuovere cittadine e territori.

L’emergenza sanitaria da Coronavirus non agevola la vostra attività, vero?

Purtroppo il movimento è provato, anche se per quanto mi riguarda, vendendo tra le altre cose dispositivi di protezione individuale riesco, pur parzialmente a lavorare, ma è dura. Da anni noi tatuatori, per garantire sicurezza e salute adottiamo protocolli rigidi e serissimi: la salvaguardia della salute è il nostro faro, ergo ci dovrebbero consentire di tatuare tranquillamente, controllandoci e sanzionando pesantemente quanti dovessero non rispettare le regole.

Sei cremasco?

Sono di Crema, conosco e amo la mia città e il Cremasco, territori provati, devastati, insieme a Cremona e Piacenza dal maledetto virus. Per provare a riassaporare, gradualmente con la guardia alta, una parvenza di normalità ritengo sia indispensabile pensare al bello. Così ho pensato, mi si passi il termine, al “Tatturist” per lanciare e potenziare il turismo locale parallelamente all’arte del tatuaggio artistico. Particolare non indifferente: il laboratorio di Cremona l’ho inaugurato lo scorso dicembre, in un periodo non facile, ma mettersi in gioco talvolta giova, come giovano le sinergie con artisti immensi e di tendenza quali Silvia Pepe e Giovanni Caruso.  

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button