Italiasocietà

Il maestro Alex: “Utilissimo recuperare le mascherine mutanda. No alla scuola a giugno”

Corlazzoli è anche giornalista, scrittore, opinionista televisivo, viaggiatore e Maestro d'Italia

Maestro d’Italia, giornalista, scrittore, opinionista televisivo e radiofonico, promotore di eventi, iniziative e idee, libero pensatore, viaggiatore e acuto provocatore: questo e tanto altro ancora è il meravigliosamente squarciante, Alex Corlazzoli. E con lui, sempre indaffarato e sul pezzo, volentieri abbiamo scambiato quattro chiacchiere …

Sbaglio o sei stato il primo a segnalare il cosiddetto strano caso delle “mascherine mutanda” ?

Tra novembre e dicembre scorsi, attraverso il social Facebook, mezzo immediato e facilmente consultabile, dopo comunque aver segnalato la cosa allo staff del commissario Arcuri, postai un post dove segnalavo che i ragazzini, perché scomode e poco pratiche, non indossavano i dispositivi di protezione individuale inviati da enti governativi. Non amo sprecare denaro, soprattutto quando è pubblico, quindi ritenni opportuno informare chi di dovere e la collettività dell’anomalia che stava accadendo. Dalla portavoce del dottor Arcuri non arrivò alcuna risposta, ma non mi arresi e continuai la mia personale campagna anti spreco. Mi fai sottolineare un aspetto di questa vicenda?

Certamente.

Non è che i bimbi, utilizzando le loro, non usano le mascherine del commissario Arcuri per un vezzo o per moda. Non le indossano poiché indossarle per ore sarebbe scomodo, tutto qui. Per fortuna sulla mia strada ho incontrato la disponibilità della generosa Valentina Tiraboschi e con lei è nato il progetto volto a donare ai bisognosi, per intenderci a quanti altrimenti raccatterebbero le maschere dalla strada o dai rifiuti, le mascherine scolastiche mai prese in considerazione dagli scolari. Lascio la mia mai per informazioni e spedizioni: corlazzolialex@gmail.com.

Favorevole o contrario all’eventuale prolungamento del periodo scolastico fino al 30 giugno.

Sì… alla rimodulazione del calendario e al fatto che gli insegnanti lavorino in quel periodo ma facendo seria, costruttiva, indispensabile e proficua formazione. Contrarissimo al fatto di tenere bimbi e ragazzi in aula in estate. Sai cosa costerebbe adeguare le aule, calde e umide, con impianti di areazione o condizionamento?

Dimmi…

Da un calcolo approssimativo circa 219milioni di euro. Senza inoltre dimenticare che a giugno i miei studenti chiedono spesso di uscire in giardino a fare lezione all’aperto. E’ del resto complicato tenere alta la concentrazione con le alte temperature del periodo estivo. Ah … ho avanzato le mie perplessità in merito ai sostenitori dell’ipotesi allungamento.

Stai scrivendo un nuovo libro?

Il tutto è in gestazione con una casa editrice, sto pensando a una storia per bambini.

 

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button