MusicasocietàSpettacolo

Il Sanremo secondo protocollo anti covid. Simonetta tra gli autori di due canzoni

Amadeus pronto a presentare il Festival della Rinascita nonostante le restrizioni

Sì quello in programma dal 2 al 6 marzo, ecco sarà un Festival di Sanremo per così dire impostato secondo il rigido (75 paginoni) protocollo anti Covid. Un po’ come sta succedendo con e per le varie manifestazioni calcistiche nazionali e internazionali.

Il presentatore Amadeus, la sua spalla Fiorello, Elodie, Naomi Campbell, Zlatan Ibrahimovic (ma riuscirà a giocare col Milan e presentare all’Ariston?) e gli altri ospiti, ordinari e straordinari, inevitabilmente faranno i conti con la pandemia sanitaria e il maledetto virus. Ma nonostante l’assenza di spettatori in teatro, le limitazioni in città e sul palcoscenico, sì … vedrete, assisteremo a un meraviglioso spettacolo televisivo. Scommettiamo?

Per quanto riguarda i cantanti in gara, vale a dire i meravigliosi 26 artisti che si contenderanno la vittoria finale, beh c’è molta attesa, inutile negare l’evidenza, per il duo composto da Francesca Michielin – Fedez e per Annalisa. Particolare non indifferente: alla composizione di queste due canzoni (Chiamami per nome e Dieci) ha contribuito l’ispiratissimo autore, tra i migliori in attività, Davide Simonetta, colui il quale, in pratica, nel suo laboratorio – quartier generale di Bagnolo Cremasco (il paese che ospitò, secondo leggenda, nientepopodimenoche l’Innominato Manzoniano), per collaborazioni e produzioni musicali, ha ospitato, ospita e ospiterà il gotha del panorama musicale italico.

Parla Davide Simonetta: “Elio è geniale”

Ah … qualora malauguratamente un cantante dovesse contagiarsi, purtroppo dovrà abbandonare la Settimana Santa pagana della mistica e mitica musica nazionalpopolare italiana.

Buon lavoro Amadeus, alla faccia delle critiche, dei contestatori e dei gufi, c’è bisogno di bella musica nella nostra penisola dei famosi e non (Dagospia Dixit). E poi … Sanremo è Sanremo, no?

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button