FocusMediaNewssocietà

Maurizio Borghetti: dopo il vaccino anti Covid tutto Ok. Vaccinatevi senza patemi

Il medico radiologo torna a postare in materia di Coronavirus

 

 

Maurizio Borghetti, medico radiologo presso l’ospedale di Crema, in trincea contro il maledetto virus da dieci mesi è tornato a informare, serenamente, in materia di Coronavirus. E ci ha ragguagliato sul suo stato fisico (ottimo) dopo il vaccino somministratogli lo scorso 31 dicembre …

 

A 5 giorni dal vaccino tutto ok come gli altri colleghi. Stia pure tranquillo chi lo deve ancora fare in questa prima fase e chi lo potrà fare successivamente. Le eventuali (rare) reazioni allergiche sono prontamente risolvibili…il Covid-19 un po’ meno. Trascuriamo le contestazioni sugli effetti genetici. L’mRna contenuto nel vaccino non interagisce col DNA in quanto non può entrare nel nucleo della cellula e, comunque, non lo può modificare mancando degli enzimi (come la retrotrascrittasi). Come si può poi pensare che dia “effetti a distanza” se è necessario conservarlo a -80° per riuscire a iniettarlo senza che degradi? Trascuriamo pure la questione degli ingredienti. A proposito…la Coca Cola non ha mai pubblicato la propria formula eppure da decenni tutti la  beviamo senza farci tanti problemi. In ogni caso, l’mRna modificato del vaccino è avvolto da vescicola di lipidi comuni, noti e già utilizzati, tra cui il (velenoso??) colesterolo, mentre il preparato da iniettare oltre alla (famigerata??) acqua contiene 4 noti sali tra cui quello (pericolosissimo??) da cucina. E’ altresi’ comunque nota la completa sequenza genetica dell’mRna modificato contenuto nel vaccino che codifica solo la proteina Spike, quella in grado di far produrre anticorpi contro la sorella del virus in modo da neutralizzarlo e impedirgli di infettare caso mai si dovesse presentare.

Detto questo veniamo alla nostra situazione. Il numero di Tac positive per polmonite Covid resta molto basso (la settimana appena finita meno di 3 al giorno in media) con rarefazione assoluta dei casi importanti e, soprattutto, la quasi completa scomparsa di quelli peggiorati.

Di più si fa fatica a dire… Proseguendo con le dovute attenzioni (come fatto finora) e confidando in una favorevole, relativamente rapida ed estesa, distribuzione del vaccino (confermate dosi aggiuntive da BioNTech e a breve l’ok per il “Moderna” e altri) che, insieme alla immunità di chi è già stato infettato, ci faccia raggiungere una protezione collettiva tale da non aver più paura di tornare indietro… 

 

Dai Burdèl che ghe la fèm

 

Post Scriptum: qui come da altre parti di ferie ben poche e comunque quando chiamati mi risulta abbiamo sempre risposto “Presente”. Così…per completezza di informazione.

 

Fischiano per caso le orecchie all’assessore al Welfare della Regione Lombardia Gallera? Mah … Ah così postò sulla sua pagina Facebook Maurizio Borghetti, DocRock d’Italia.

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button