CultureFocusMediaNewssocietà

Sara Villa, scrittrice e naturopata: non temiamo il cambiamento, il 2021 sarà anche anno di ripartenze

E da volontaria della Croce Rossa, Sara è in prima linea nella lotta al maledetto virus

(continua dopo la pubblicità)
(continua dopo la pubblicità)

 

 

Naturopata, estetista, consulente in estetica oncologica, Beauty Trainer, volontaria della Croce Rossa (Comitato di Crema) e scrittrice… volentieri, con Sara Villa, impegnatissima Donna del Fare abbiamo scambiato quattro chiacchiere. Ah… “Strani intrecci del destino” (Luoghi Interiori Editori) è il titolo del suo ultimo romanzo.

Di cosa parli nel tuo libro pronto a sbarcare in libreria?

Fammi intanto dire che è già disponibile sulle varie piattaforme digitali, mentre è prenotabile e comunque arriverà nelle librerie tradizionali. Ci ho messo un anno a scriverlo ed è la storia, leggera da leggere tutta d’un fiato per distrarsi, di Kitti, una quarantenne che vive in Lombardia alla costante ricerca di un qualcosa guidata dal suo Maestro Zen.

(continua dopo la pubblicità)

E cosa cerca?

(continua dopo la pubblicità)

Lasciamo un po’ di suspense, ma anticipo che alla fine troverà quel che cerca. O ciò ricerca, mah… troverà lei. Del resto certi qualcosa non si cercano, ma vanno semplicemente visti e sentiti con gli occhi giusti, no?

La pandemia e l’emergenza sanitaria hanno condizionato, immagino, pure la tua professione.

Sì, ma è stato giusto fermarsi.

Da volontaria della Croce Rossa sei stata, sei e sarai in trincea, giusto?

Esattamente e ti dico subito che la prima fase del Coronavirus si rivelata drammatica e terribile. In pratica, a mani nude, senza sapere niente abbiamo combattuto una guerra contro un nemico terribile, invisibile.  E la battaglia non è ancora finita. Purtroppo ho accompagnato pazienti in ospedale che non ce l’hanno fatta e ho qui dinanzi a me i loro sguardi spaventati che cercavano, spaesati,  aiuto, ossigeno e una carezza. Ed è stato tremendo non poterli aiutare e consolare adeguatamente. Fortunatamente adesso è diverso: il virus è conosciuto dai medici e la situazione, pur seria e complessa è diciamo maggiormente affrontabile. Non capisco e mai capirò i negazionisti… Forse non hanno avuto contatto diretto con la malattia e per questo negano l’evidenza.

Sei favorevole al vaccino?

Il gioco vale la candela: è giusto vaccinarsi.

La tua professione ti porta a interagire con malati di altre malattie: non è che per curare il Covid si è lasciato, inevitabilmente per carità, un po’ correre su altri fronti?

Per causa di forze maggiori, certe strutture magari poco attrezzate, loro malgrado hanno fatto di necessità virtù. Ma nessuno si è fermato, al massimo ci si è rallentati un attimo. E noi della Croce Rossa a Crema e nel Cremasco, siamo riusciti, in mezzo a gigantesche difficoltà, a non lasciare indietro nessuno. Personalmente sono orgogliosa di quanto ho fatto, la paura non mi ha fermato, ma ho vissuto attimi terrificanti.

Oltre a invitarci a leggere “Strani intrecci del destino”, cosa chiedi al 2021?

Il nuovo anno sarà un po’ caratterizzato dalle ripartenze, dalla voglia di ricominciare. Quindi abbandoniamo le paure, adattiamoci al momento e guardiamo avanti senza timori. E laddove ce ne sarà bisogno, chi si troverà in situazioni estreme, non si lasci andare, non abbia timore di reinventarsi, di cambiare vita e lavoro,  poiché l’eventuale cambiamento, tra le inevitabili difficoltà, certamente porterà situazioni positive nel medio – lungo periodo.   

 

Stefano Mauri

 

 

 

 

I nostri ebook blank
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie