FocusMediaNewssocietà

Gianluca Savoldi: Come si fa paragonare un comune come Moscazzano a Milano?

PopSindaco d'Italia, dalla provincia di Cremona, Savoldi lancia l'appello al premier Conte

 

 

 

“Come si fa paragonare un comune come Moscazzano a Milano?” commenta il primo cittadino Gianluca Savoldi.Moscazzano, 730 abitanti, confina con altri piccoli paesi (Montodine, Credera Rubbiano, Ripalta Guerina e Cremasca).

“Oltre l’Adda siamo già nel lodigiano e molte famiglie sono divise tra queste due province – continua Savoldi – piuttosto si agisca sul chilometraggio, invece che sui confini. I miei concittadini chiedono spesso informazioni riguardo le festività. Molti di loro sono anziani, i cui figli magari abitano nei dintorni, ma non potranno vederli nel giorno di Natale. Auspico che si possa trovare un’alternativa, conclude Savoldi – perché i piccoli Comuni si trovano totalmente isolati”.

Così ha parlato, nei giorni scorsi, alla stampa cremonese – cremasca, in particolare nella fattispecie al sito Cremaoggi, il sindaco di Moscazzano, paese da Oscar perché inserito nel filmone “Chiamami col tuo nome” (appunto premiato con la Statuetta nel 2018) di Luca Guadagnino, in provincia di Cremona e, soprattutto, vivace feudo del Granducato del Tortello, Gianluca Savoldi, (soprannominato meritatamente)PopSindaco d’Italia e, tra le altre cose, giornalista, presentatore, speaker radiofonico, cantante, musicologo edesperto – appassionato di popmusica da ballo (e non solo).

E tutti i torti, Savoldi non ha: se infatti da un lato la salute, in particolare in questi tempi di pandemia da Coronavirus, beh va assolutamente tutelata con provvedimenti restrittivi ad hoc, d’altro canto occorre buonsenso non ostacolando i movimenti verso i parenti anziani nei piccoli paesi della provincia italica tra Natale e Capodanno.

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button