FocusMediaSalutesocietà

Coronavirus: si conferma la tendenza alla discesa, momento topico: guardia alta

Il dottor Maurizio Borghetti sul virus informa sempre senza terrorizzare

 

 

Attese, lette, studiate, apprezzate, talvolta da qualcuno “contestate”, beh le riflessioni del dottor Maurizio Borghetti, medico radiologo presso l’ospedale di Crema, squarcianti e fuori dal coro (andrebbero prese nella massima attenzione tuttavia tanto a Roma quanto a Milano) informano senza terrorizzare

 

Continua la tendenza alla discesa della percentuale dei positivi sui tamponi fatti e soprattutto la discesa dei ricoverati (oggi 19 novembre un centinaio) tant’è che bisogna risalire al 4 ottobre per trovare un numero più basso di incremento di questi ultimi. Anche la tendenza alla crescita delle Terapie Intensive sembra accennare a una decelerazione (+ 42 e in Lombardia + 12 giovedì 19 novembre) e anche questo è un bene ma occorre vedere cosa accade nei prossimi giorni: la necessità vera, ribadiamolo, è che inizino a calare assai. È anche considerevole il numero dei dimessi/guariti (più di 17.000) che va quasi ad eguagliare quello della crescita degli attualmente positivi.

Da queste parti della provincia di Cremona le Tac positive per polmonite Covid-19 continuano giornalmente a mantenersi stabile e non tendono a crescere, mantenendo una differenza nei numeri e, di conseguenza, nella incidenza dei casi più gravi, poco comparabile con marzo-aprile. Quando il mio tempo libero lo consentirà sarò più preciso coi numeri dei due periodi.

Non è un caso del resto che il dato delle Tac sia sempre stato quello che ha maggiormente rispecchiato la situazione. Al contrario è quello in genere meno considerato.

Nel complesso, a mio parere, restano le ragioni per confidare in una evoluzione dell’epidemia meno catastrofica (anche più breve?) di diverse previsioni che tutti noi abbiamo letto e sentito, sebbene in assenza di un Lockdown serrato come quello di marzo. Manteniamo quindi sempre alta l’attenzione senza ridurre le precauzioni e… Dai Burdèl che ghe la fèm!

Così postò sulla sua pagina Facebook Maurizio Borghetti, DocRock d’Italia  

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button