Casazza ReportCoronavirusItalia

Il Covid nella prima e seconda ondata: così il dottor Mario Martinetti aveva previsto tutto

Lo scorso 26 marzo, in un’intervista all’anestesista di La Spezia Mario Martinetti, dirigente medico di Terapia del dolore a Cure Palliative, emergeva chiaramente, tra le criticità dell’epidemia da coronavirus, allora nella fase acuta, il problema della cura farmacologica dei malati in forma lieve, i c.d. “paucisintomatici”.

Nella situazione drammatica di quei giorni ( ci trovavamo in pieno “hard lockdown”, con le vie delle città deserte) gli ospedali dovevano far fronte ad un’ondata di malati gravi, molti dei quali, troppi per le risorse disponibili,  bisognosi di ricovero in terapia intensiva. Non c’era tempo di assistere i “paucisintomatici”; agli stessi veniva prescritto l’isolamento domiciliare con assunzione di sola tachipirina, noto farmaco che attenua il sintomo della febbre. In moltissimi casi i “paucisintomatici” non riuscivano neppure a entrare in contatto telefonico coi presidi sanitari, oberati di lavoro.

Coronavirus, l’anestesista: “Tra chi si aggrava a casa 9 su 10 muoiono senza arrivare alla terapia intensiva”. Ecco cosa fare – IL DOCUMENTO

Nell’intervista citata, il dr. Martinetti faceva notare che le notizie provenienti dalla Cina, in cui durava ancora  il primo focolaio della pandemia  scoppiato nella metropoli di Whuan, indicavano che la sanità cinese aveva  posto una particolare attenzione all’assistenza dei “paucisintomatici”, sotto due profili.

Primo: i “paucisintomatici” non venivano lasciati presso il proprio domicilio, ma accolti in  grandi ospedali di medicina “ordinaria”, non “intensiva”, appositamente impiantati e attrezzati d’urgenza;

Secondo: i “paucisintomatici” venivano curati con terapie farmacologiche  specifiche, allora ritenute importanti. Il motivo dell’impegno cinese nell’assistenza dei malati non gravi, spiegava sempre il dr. Martinetti,  dipendeva da due ragioni:

  • una parte rilevante di “paucisintomatici”, invece di guarire spontaneamente, tendeva a sviluppare forme più gravi di malattia;
  • una parte rilevante di “paucisintomatici”, peggiorati anche e soprattutto per mancanza di adeguate cure nelle prime fasi della malattia, tendeva a necessitare di un ricovero in strutture di terapia intensiva, estrema o semi-invasiva. Queste malauguratamente, per la velocissima e incontrollata estensione del contagio, erano già occupate oltre i limiti della recettività, e non potevano assorbirli.

Benché durante la prima ondata fossero stati realizzati a tempo di record, ad esempio a Milano e Bergamo,  nuovi presidi sanitari di terapia intensiva dedicati a pazienti gravi, il dr. Martinetti consigliava  di intraprendere la stessa strada della Cina, approntando al più presto strutture ospedaliere ad hoc per paucisintomatici da covid 19. In assenza di ciò, si era adoperato a diffondere sui social network le informazioni che al momento erano ritenute più adatte per la cura farmacologica dei “paucisintomatici”. Destinatari di tale informativa erano i colleghi che svolgevano funzione di medico di famiglia, ovvero l’unico diffuso presidio di medicina territoriale presente nel nostro sistema sanitario. L’emergenza per la diffusione nel nostro paese della la sars cov 2 si è significativamente allentata dal mese di maggio in poi, al punto che il professor Alberto Zangrillo,  esperto di terapia intensiva, e primario di quella specialità al San Raffaele di Milano, con una dichiarazione che ha fatto e continua a far discutere, ha potuto affermare , sulla base della esperienza clinica sua e degli altri colleghi “intensivisti”, che al 31 maggio i ricoveri in rianimazione per sars covid 2 erano pressoché completamente scomparsi.

Plasma iperimmune, Mario Martinetti: “Associato alla giusta terapia domiciliare, azzererà la mortalità da coronavirus”

Come tutti ben sappiamo, purtroppo dal mese di settembre l’epidemia ha avuto una rapida ripresa, che ci ha portato alla situazione attuale, in cui è in atto una  vera e propria seconda ondata del contagio.

In un precedente post del 9 novembre  abbiamo  evidenziato che, in base ai dati statisti forniti dalle autorità sanitarie, la prima e seconda ondata non sono assimilabili come andamento ed effetti.  C’è, innanzitutto, l’ovvia differenza, non di poco conto, che la prima ondata ha colto totalmente impreparato il nostro sistema sanitario, costretto ad affrontare una malattia sconosciuta  in rapidissima crescita, mente siamo stati in grado di percepire più prontamente l’inizio della seconda ondata , e cercare di provi rimedio prima che raggiunga livelli di gravità intollerabili.

Premesso che , sempre come illustrato nel post del 9 novembre, il problema del covid 19, non è, dati epidemiologici alla mano, l’alta letalità né l’alta mortalità della malattia, va rilevato che,  dal punto di vista di questi due indicatori, la seconda ondata è, almeno sino ad adesso, meno grave della prima. Non solo: la seconda ondata sta facendo registrare, sia a livello regionale che nazionale, un indice di riproduzione di base, o quoziente r t,   misura della velocità di propagazione del contagio, inferiore a quello di marzo/aprile.

L’Iss sbaglia i conti sul Covid: ecco cos’abbiamo scoperto. Ed ecco le differenze tra la pandemia di aprile e quella in corso

Veniamo ora a confrontare le due ondate dal punto di vista della vera  criticità della pandemia da covid 19 ovvero, lo stress a cui sottopone  la sanità pubblica. Come oramai sperimentato in tutto il mondo, e segnatamente in Cina al primo apparire della malattia,  il diffondersi della sars covid 19 genera un sovraccarico insostenibile nella rete sanitaria statale, incapace di fronteggiare  il picco di ammalati, concentrato in un tempo molto breve. 

Rispetto a quanto accadeva a marzo aprile, si registra negli ultimi due mesi una importante differenza, figlia della minor severità, allo stato, del contagio rispetto alla prima ondata: ad essere sotto stress non sono  i presidi di terapia intensiva, ancora lontani dal drammatico grado di saturazione della primavera, bensì quelli preposti alla prima accoglienza e smistamento dei malati, unitamente a quelli dedicati al ricovero e all’assistenza dei pazienti con forme non gravi di malattia. In altre parole sta attualmente verificandosi un’ondata di paucisintomatici, mentre a marzo/aprile l’ondata era composta di malati gravi. A tal riguardo, vedi l’illuminante inchiesta di Manuel Montero pubblicata su questo Magazine.

Pronto Soccorso milanesi al collasso? Ecco le sale d’attesa nel giorno dei contagi record

Questa volta tuttavia, a prescindere dalle deficienze e rigidità organizzative che ostacolano tale operazione, un fattore impedisce di coinvolgere e mobilitare i medici di famiglia nella lotta alla malattia ai suoi primi stadi.  Le terapie farmacologiche menzionate in primavera dal dr. Martinetti a beneficio dei  medici di famiglia perché le utilizzassero nell’assistenza domiciliare, non hanno superato  le verifiche scientifiche condotte per verificarne la praticabilità,  leggi a tal proposito quie quindi non sono  più somministrabili. Alcune di esse sono riservate alla cura dei malati più gravi, ovviamente ospedalizzati, oppure a specifiche iniziative di sperimentazione clinica.

Un breve accenno ai  farmaci anticovid più conosciuti: l’idrossiclorochina e il plasma iperimmune.  Ad oggi l’AIFA, Agenzia Italiana del Farmaco, sconsiglia l’uso della prima,  giudicata  inefficace e addirittura dannosa, mentre il secondo ha prodotto benefici solo in stadi medio gravi della malattia.

Con riferimento alla “idrossiclorochina”, nella recente polemica tra i professori Roberto Burioni, immunologo, e Luigi Cavanna, oncologo, vedi ad esempio qui,  sull’uso dei questa sostanza, entrambi,  a loro modo, hanno ragione: il primo nel rimarcare che l’organismo competente, appunto l’AIFA, non ha dato l’ok all’utilizzo della idrossiclorochina, il secondo nel sostenere che, con riferimento alla sperimentazione clinica che sta conducendo, e della quale si appresta a pubblicare i risultati, emergerebbe la sua utilità soprattutto nella cura delle forme lievi e precoci.

Coronavirus, la città di Wuhan e il grande mistero del mercato di animali vivi in un libro

Tornando all’ondata di “paucisintomatici” che si sta attualmente verificando, ci piace evidenziare, a riprova che le indicazioni del dr. Martinetti mantengono la loro validità, come, in questi giorni, in numerose realtà sanitarie italiane, ad esempio a Milano e a Bergamo, si è deciso di rimediarvi con i cosiddetti “Hotel covid”.

Si tratta di strutture alberghiere, inutilizzate per la crisi del turismo indotta dalla pandemia, che le Aziende Sanitarie locali acquisiscono e riadattano per assistere pazienti contagiati in forma lieve dal coronavirus. A ben  vedere, altri non è che la via italiana alla soluzione cinese al problema dei paucisintomatici da covid 19…

Rino Casazza

Guarda gli ultimi libri di Rino Casazza – QUI

 

 

Due parole su questo sito blank

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato una cinquantina di racconti e undici romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi che vedono rivivere come protagonisti i più grandi detective della letteratura di genere. Gli ultimi romanzi pubblicati sono Il serial killer sbagliato, Algama, 2018; Al tempo del Mostro, 2018, rivisitazione in chiave fantascientifica della vicenda del Mostro di Firenze; il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018, scritto insieme a Daniele Cambiaso e, sempre in collaborazione con lo stesso autore, L’Angelo di Caporetto, 2017, uscito prima per Algama e poi in allegato a Il Giornale nella collana “Romanzi storici”, Gli enigmi di Don Patrizio, Algama, 2016. Per la collana Gli apocrifi di Algama sono usciti: Sherlock Holmes, Padre Brown e l’ombra di Dracula ; Padre Brown, Philo Vance e l’Angelo della Morte, ; Sherlock Holmes, Padre Brown e il delitto dell’indemoniata ; Sherlock Holmes, Auguste Dupin e il match del secolo ; Sherlock Holmes, Charlie Chan e il salvataggio del Titanic salutati con grande favore dalla critica per l’originalità delle trame. L'ultima fatica è un trittico di romanzi apocrifi su Auguste Dupin, l'investigatore inventato da Edgar Allan Poe Sempre per Algama ha pubblicato l’antologia Il trucco dei due poliziotti, 2019.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button