Delittisocietà

Incidente mortale Arezzo, il presidente di Avisl: “Un errore l’arresto per omicidio stradale”

Il presidente di Avisl Domenico Musicco, non ha dubbi: “Da notizie di stampa apprendiamo che l’automobilista finito in cella sarebbe risultato negativo ad alcol e droga test e che sarebbe stato esclusivamente vinto dalla stanchezza. Se così fosse, ci troveremmo dunque di fronte ad una persona che ha perso entrambi i genitori e due dei suoi tre figli, una tragedia enorme, in carcere senza che ve ne sia alcun presupposto.”

 

Nell’incidente stradale mortale sull’A1 del 5 giugno, avvenuto all’altezza di Arezzo, sono morte quattro persone e sette sono rimaste ferite. Stando alla ricostruzione della dinamica, a provocare la carambola letale è stata la Volkswagen Sharan su cui viaggiava una famiglia rumena di otto persone, nonostante l’auto fosse omologata per sette, guidata da un trentenne. Le vittime erano tutte a bordo di quest’auto: i genitori e due dei tre figli dell’automobilista.
Secondo alcune testimonianze, la macchina ha cominciato a procedere a zig zag prima di schiantarsi a grande velocità contro un tir e carambolare contro un altro mezzo. Ma l’automobilista, sottoposto ad alcol e droga test, è risultato negativo. L’ipotesi al momento più plausibile è che abbia accusato un colpo di sonno. Ciononostante l’uomo è stato arrestato per omicidio stradale. E a pesare sul provvedimento c’è il fatto che sia senza fissa dimora.

blank

L’avvocato Domenico Musicco, presidente dell’associazione Avisl

 

L’avvocato Domenico Musicco, presidente di Avisl Onlus (Associazione vittime incidenti stradali, sul lavoro e malasanità) è stupito dall’evolversi dei fatti: «La stanchezza non è contemplata tra le ipotesi di omicidio stradale, legge che la nostra associazione ha contribuito a far nascere. Men che meno è previsto l’arresto per un incidente provocato da un colpo di sonno. Da notizie di stampa apprendiamo che l’automobilista finito in cella sarebbe risultato negativo ad alcol e droga test e che sarebbe stato esclusivamente vinto dalla stanchezza. Se così fosse, ci troveremmo dunque di fronte ad una persona che ha perso entrambi i genitori e due dei suoi tre figli, una tragedia enorme, in carcere senza che ve ne sia alcun presupposto. E ci troveremmo pure di fronte ad un pericoloso precedente nell’applicazione della legge, che tende a prevenire e punire comportamenti potenzialmente dolosi, non certo fatti improvvisi e inaspettati come un colpo di sonno. Mi auguro che quanto prima si faccia chiarezza su tutto ciò che è accaduto e che, nel caso siano confermate le notizie di stampa, l’automobilista esca subito di prigione e cadano le accuse di omicidio stradale in luogo di una più corretta imputazione di omicidio colposo».

***

AVISL ONLUS
ASSISTENZA LEGALE GRATUITA SENZA ANTICIPO SPESE in tutta Italia alle vittime di incidenti stradali, alle vittime di incidenti sul lavoro, a chi subisce o ha subito danni da disfunzioni del sistema sanitario. Avisl offre assistenza legale gratuita anche ai familiari delle Vittime.
www.avisl.it
Via Besana, n. 8 – 20122 MILANO
info@avisl.it
800 300 523 (numero verde)
3400917547
02.5458154 (fax)

Due parole su questo sito blank

Avisl Onlus

L’associazione Avisl Onlus ha lo scopo di dare assistenza legale gratuita a chi subisce un incidente stradale o ai suoi familiari. E a chi è vittima di incidenti sul lavoro o per responsabilità medica. Sostiene le vittime e i loro familiari nella pratica assicurativa e nel processo penale e civile. Avisl Onlus si avvale inoltre di psicologi, medici legali e consulenti cinematici. Nessuna spesa anticipata.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button