AmbienteEconomyMotorisocietà

Corrado La Forgia, la proposta controcorrente: “Investire sui diesel moderni”

Incentivi mirati per rinnovare il parco automobili e l'ambiente

Corrado La Forgia, vicepresidente dell’Associazione Industriali: “Bisogna puntare, nel breve, diritti sui motori a combustione interna di nuova generazione. Ed in particolare sui Diesel che, in termini di Total Impact, sono confrontabili con le trazioni elettriche”

 

Incentivare l’acquisto di automobili a basso impatto ecologico, senza dubbio in Italia, considerato il parco auto datato della popolazione, può rivelarsi utile a far ripartire il settore economico nazionale, fortemente in crisi a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19. E pure i Diesel di nuova generazione, sottolineiamolo, non rappresentano un pericolo per l’ambiente. Ergo meritano attenzione e incentivi. E’ questo il messaggio dell’ingegner Corrado La Forgia, vicepresidente dell’Associazione Industriali (con delega all’Innovazione) della provincia di Cremona e manager, amministratore delegato e direttore industriale della Vhit (azienda del Gruppo Bosch settore automotive) di Offanengo.

Abbiamo la possibilità di aiutare a far ripartire l’economia incentivando, tra le altre, l’acquisto di veicoli a basso impatto ecologico. Abbiamo in Italia un parco auto datato che, opportunamente sostituito, darebbe benefici enormi anche all’ambiente.
Se riuscissi
mo a liberarci dalle discussioni ideologiche e concentrarci sui fatti oggettivi, dovremmo puntare, nel breve, diritti sui motori a combustione interna di nuova generazione. Ed in particolare sui Diesel che, in termini di Total Impact, sono confrontabili con le trazioni elettriche.
Ma a differenza di quelli elettrici, le catene di fornitura sono già disponibili e il sistema di produzione può reagire immediatamente. Cosa che NON è vera per i veicoli elettrici, senza contare le infrastrutture.
Non si  vuole fermare il progresso sostenibile. L’elettrico verrà (non solo l’ibrido) ma se si pensa che saranno disponibili e ricaricabili, in tempi ristretti, milioni di veicoli si è chiaramente nell’errore.
L’approccio razionale darebbe la possibilità di aiutare l’ambiente, ridare occupazione e ricominciare a creare risorse per gli investimenti necessari a sviluppare la trazione elettrica che, non sfugga, sono ingentissimi; e non si può solo pensare di fare debito.

Questo il post, pubblicato sulla sua pagina Facebook.

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button