Economysocietà

Lockdown, la decisione choc di Arrigo Cipriani: “L’Harry’s Bar di Venezia non riapre. Le regole sono demenziali”

Arrigo Cipriani, patron dello storico locale di Venezia Harry’s Bar, che conta 27 filiali nel mondo, non ha dubbi: “Sono condizioni demenziali scritte da gente senza idee e se resteranno così, non si riapre né lunedì né mai più. Con le nuove regole ci dovrebbero essere 4 metri quadrati attorno ai commensali e dovrò chiedergli l’autocertificazione, per sapere in che rapporti sono tra loro. È pazzesco. A 88 anni posso andarmene in pensione”

 

di Manuel Montero

Arrigo Cipriani, il patron dello storico locale di Venezia Harry’s Bar, non riaprirà il 18 maggio. E forse chiuderà per sempre. Il mitico luogo, definito dal ministero “monumento nazionale”, che ospitò i pià grandi artisti, musicisti e letterati del mondo, da Charlie Chaplin ad Arturo Toscanini fino ad Ernest Hemingway, e che conta 27 filiali nel mondo, è alle prese con le direttive per l’emergenza coronavirus. Direttive strambe sulle quali ci siamo già più volte occupati, ospitando il grido di allarme di barman, ristoratori, hair stylist, enologi e sottolineando l’impossibilità fisica di riprendere in questo modo il lavoro. – GUARDA LO SPECIALE

LE REGOLE “DEMENZIALI”

E ora, a sbottare, è anche uno dei big internazionali dei locali, Arrigo Cipriani: «Lunedì non riapro, con quelle linee guida è impossibile. Sono condizioni demenziali scritte da gente senza idee e se resteranno così, non si riapre né lunedì né mai più». Lo dice all’Ansa, rammentando come l’Harry’s Bar, fondato dal padre 89 anni fa, era stato chiuso una sola volta nel 1943: «Allora fu requisito dai repubblichini. Adesso sta per essere chiuso dalle menti sublimi dell’Inail». Si tratta di norme che Cipriani non esita a definite «decadenti che neanche nel Medioevo..».

ME NE VADO IN PENSIONE

E ne elenca alcune che non consentiranno la ripresa: «Ci dovrebbero essere 4 metri quadrati attorno ai commensali e dovrò chiedergli l’autocertificazione, per sapere in che rapporti sono tra loro. È pazzesco. Sulla prenotazione, scrivono che è “preferibilmente obbligatoria”, ma o è un obbligo o no?». In questo modo, è logico chiedersi: chi andrà nei locali? «Purtroppo temo che non verrà nessuno, il mondo si è fermato».

50 FAMIGLIE A RISCHIO

L’Harry’s Bar conta due sale di 40 metri quadrati l’una e fino a marzo ci stavano 90 persone. Oggi tutto deve cambiare, con le nuove direttive: «Non ho contato quante dovrebbero starcene ora, ma so che dovrei licenziare almeno 50 dipendenti (sui 75 attuali) se volessi aprire così. Io ho 88 anni, posso anche andare in pensione a questo punto».

Manuel Montero

Tutti i libri di Manuel Montero

Due parole su questo sito blank
Tag
Leggi di più

Manuel Montero

Manuel Montero scrive da vent’anni per diversi settimanali nazionali. Appassionato di cinema e tv anni 80, ha pubblicato nel 2019, per Algama, Fenomeni Paranormali Italiani, in cui ha raccontato storie di cronaca, fatti ed eventi apparentemente incredibili, raccolti in prima persona negli anni sulla Penisola. In allegato a Il Giornale è invece uscito il volume Telefilm Maledetti, dove l’autore narra la triste fine di alcuni dei più amati protagonisti di telefilm degli anni Settanta e Ottanta.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close