Italiasocietà

Coronavirus, lo sfogo dell’infermiera di Lucca dopo le accuse choc dei vicini: “Trattata come untrice”

Parla l’infermiera accusata dai vicini perché impegnata nei reparti covid

Damiana Barsotti si sente ferita, ma aggiunge: “Sono stata trattata come un’untrice, ma non provo rancore per nessuno. Anzi, se avessero bisogno di un’infermiera sanno dove trovarmi”

 

blank

 

di Manuel Montero

Era stata accusata dai vicini di portare il coronavirus nel palazzo solo perché lavora come infermiera in un reparto covid. Ma Damiana, questo il suo nome, non ci sta: “Sono stata trattata com un’untrice, ma non provo rancore per nessuno. Anzi, se avessero bisogno di un’infermiera sanno dove trovarmi”.

LE ACCUSE – Damiana, 28 anni, è in servizio all’ospedale di Lucca, nel reparto delle malattie infettive. E qualche giorno fa ha trovato nella cassetta della posta di casa, a Capannori, un messaggio sconfortante anonimo, ma evidentemente lasciatole dai vicini: “Grazie per il Covid che tutti i giorni ci porti in corte. Ricordati che ci sono anziani e bambini, grazie”.

blank

MAI LO AVREI PENSATO – La donna ha avvertito i carabinieri. E ha poi detto: “Ci sono rimasta male. Mi sono sentita ferita e denigrata. Sanno che faccio l’infermiera e mai avrei pensato che mi prendessero di mira per il mio lavoro”. L’Asl Toscana nord ovest le ha immediatamente manifestato solidarietà: “Si è vista trattata come un’untrice e non come un’operatrice sanitaria che giornalmente si reca al lavoro per combattere per tutti noi la difficile battaglia contro il virus”. Un caso del genere era stato registrato a fine marzo anche nei confronti di una dottoressa, con la quale l’autore di una missiva simile si era poi scusato.

blank

COME UN’UNTRICE – Ora Damiana ha deciso di parlare in tv. A Pomeriggio Cinque si mostra e spiega tutta la propria delusione: “Sono rimasta molto male per questo messaggio, soprattutto perché quando l’ho trovato stavo rientrando dopo una notte passata a lavorare nel reparto di malattie infettive con pazienti Covid”. Ma la delusione non cambierà il suo modo di porsi con il vicinato: “Non voglio provare rabbia nei confronti di nessuno, ho visto cose terribili in questi giorni. Per questo rinnovo il mio invito: chiunque avesse bisogno di un’infermiera, sa dove trovarmi”.

Manuel Montero

Tutti i libri di Manuel Montero

Due parole su questo sito blank

Manuel Montero

Manuel Montero scrive da vent’anni per diversi settimanali nazionali. Appassionato di cinema e tv anni 80, ha pubblicato nel 2019, per Algama, Fenomeni Paranormali Italiani, in cui ha raccontato storie di cronaca, fatti ed eventi apparentemente incredibili, raccolti in prima persona negli anni sulla Penisola. In allegato a Il Giornale è invece uscito il volume Telefilm Maledetti, dove l’autore narra la triste fine di alcuni dei più amati protagonisti di telefilm degli anni Settanta e Ottanta.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button