Salutesocietà

Il radiologo cremasco: “Tac positive diminuiscono, il coronavirus sta perdendo forza”

Il Medico Radiologo Maurizio Borghetti, da Crema lancia segnali incoraggianti

Parla il dottor Maurizio Borghetti, in trincea a Crema; “Siamo passati dalle 100 Tac polmonari positive al giorno, a meno di una decina nell’ultima settimana. E questo significa che … sì, il Covid-19 attacca nuovi soggetti, ma sta perdendo forza e capacità di provocare infezioni”

 

Medico radiologo, in trincea nella lotta al Coronavirus maledetto, coi suoi valorosi e generosi compagni d’avventura dell’Ospedale Maggiore di Crema, dallo scorso mese di febbraio, il DocRock Maurizio Borghetti, via social e sul quotidiano La Provincia, beh è tornato recentissimamente a parlare. E nella fattispecie, finalmente, ha lanciato segnali incoraggianti:

<So che ai virologi il termine forza non piace. Ma se si riduce nettamente la malattia importante (polmonite) che si vede con la Tac, nonostante i tamponi positivi, (anche se meno di prima crescono) come la vogliamo chiamare? E intanto siamo passati dalle 100 Tac polmonari positive al giorno, a meno di una decina nell’ultima settimana. E questo significa che … sì, il Covid-19 attacca nuovi soggetti, ma sta perdendo forza e capacità di provocare infezioni >

Massima attenzione quindi, non bisogna mollare la presa, ma il fatto che il virus sia attualmente meno insinuante, senza dubbio, va letto positivamente.

Stefano Mauri

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button