Bar SportMediaNewssocietà

Ma a parte lo stadio e magari vendere, che vuole fare il Fondo Elliot col Milan?

 

 

 

blank

 

 

Già, ma a parte lo stadio nuovo, ehm: meglio sarebbe un impianto tutto rossonero a Sesto San Giovanni, mentre prende quota, o meglio, pare c’erta l’ipotesi di un nuovo, modernissimo San Siro personalizzabile e condiviso, ecco cosa vuol fare il Fondo di investimenti vario e diversificato Elliot, col Milan che detiene almeno fino a quando deciderà di venderlo al miglior offerente?

Solo l’amministratore delegato e plenipotenziario Gazidis può rispondere a questo quesito, ma per ora tutto tace.

Nel frattempo la multinazionale, colosso della moda, LVMH, più volte accostato al sodalizio che fu di Silvio Berlusconi (ah che tempi quelli), a gran voce smentisce ogni interesse di approdare a Milano, sulle sponde milaniste dei Navigli per fare football.

Intanto, con una proprietà fumosa e lontana (la famiglia Singer appare nettamente staccata dalla Galassia Rossonera), sul campo la compagine (voto 5 alla campagna acuisti portata avanti dal direttore sportivo Massara) affidata alle cure del mister (a tempo?) Marco Giampaolo (bravo, ma forse eccessivamente dogmatico e … un po’ troppo accademico e cupo) fatica assai.

Nota a margine: il direttore tecnico Maldini sta difendendo a spada tratta Giampaolo, il suo collega di scrivania dirigenziale, nonché ex compagno Boban invece, Giampaolo l’avrebbe esonerato ad agosto.

La sfangherà questo Milan alla deriva apparente, privo di leader e carisma? Lo scopriremo vivendo, ma arrivare tra le prime sette a fine campionato, stante queste oggettive difficoltà sarà quasi impossibile. E soprattutto, ora serve, come acqua al deserto, una proprietà vicina che indichi la strada da percorrere… senza se, senza ma, no?

Stefano Mauri

 

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button