PanoramasocietàTerrorismo islamico

Due vedovi del Bataclan si sposano: “E’ come continuare a vivere per loro”

La francese Floriane Bernaudat e il tedesco Johannes Baus persero i rispettivi compagni nella strage terroristica del 13 novembre 2015. Si sono conosciuti in chat, parlando della vicenda. E si sono innamorati. Floriane e Joahnnes hanno raccontato la loro storia a Radio Canada. Hanno anche avuto una bambina

 

blank

 

Hanno conosciuto l’amore dopo la tragedia: la francese Floriane Bernaudat e il tedesco Johannes Baus avevano infatti perso i rispettivi compagni nella strage del Bataclan. Si sono poi innamorati e sposati. E come raccontano a Radio Canada: “In un certo senso è come continuare a vivere per loro”.

LA STORIA- Al Bataclan di Parigi la sera del 13 novembre 2015 gli uomini dell’Isis massacrarono 89 persone al concerto degli Eagles of Death Metal. Tra questi c’erano Renaud, il compagno di Floriane, e Maud, la moglie di Johannes.

LA TRAGEDIA DI FLORIANE- Floriane, che fu intervistata all’indomani della strage, raccontò di essersi salvata nascondendosi e di non aver saputo per ore della sorte di Renaud. Disse poi: “Lo conoscevo da quando avevamo 16 anni, eravamo cresciuti insieme. E ci saremmo sposati presto: tre settimane prima dell’attentato avevo provato per la prima volta il mio abito da sposa”.

LA CHAT- Fu quando decise di contattare un’associazione delle vittime degli attentati che conobbe Johannes, dopo un post pubblicato su Facebook. Lui le scrisse condividendo il proprio dolore per la morte di Maud. Ma presto i due si accorsero che tra loro stava nascendo qualcosa.

LA BIMBA- Presto si innamorarono e nell’ottobre 2017 si sono sposati. Ricorda Floriane: “È come se stessimo portando avanti ciò che non abbiamo realizzato con Renaud e Maud. In un certo senso è come continuare a vivere per loro”. Dal loro amore è nata la piccola Bérénice, un nome che significa, tengono a precisare, portatrice di “vittoria”. Nella loro vicenda resta ancora un neo: non hanno mai ricevuto i risarcimenti per la strage, previsti dal fondo antiterrorismo. Ma hanno deciso di non parlarne.

 

Due parole su questo sito blank
Tag

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close