Casazza ReportCultureNewssocietà

TEATRO DEL DELITTO: SE LA SCENA SI MESCOLA AL CRIMINE

blank

Ho sempre immensamente amato il teatro e, per un felice gioco del destino, ho la fortuna di lavorare nel Teatro per antonomasia, il Teatro alla Scala.

Inevitabile che quest’ambiente affascinante entrasse nei miei scritti narrativi, la prima  qualche anno fa, col romanzo “Il Fantasma all’opera” e oggi col racconto “Teatro del delitto”.

Il concetto di teatro sembra facile e intuitivo, invece è insospettabilmente complesso.

Lo si capisce bene leggendo un memorabile racconto di J.L. Borges, in cui un filosofo musulmano, in viaggio per l’Europa, assiste per la prima volta a uno spettacolo teatrale, sconosciuto alla sua cultura.

Ecco come descrive quel che si trova di fronte: “Erano prigionieri, e non si vedeva la prigione, cavalcavano, ma non si vedeva il cavallo; combattevano ma le spade erano di canna; morivano, e poi si rialzavano.”

Il nocciolo sta proprio qui, nel rapporto sfuggente tra realtà e rappresentazione.

Quello che accade sul palcoscenico è vero e no?

Cos’è più vera, la vita o la sua rappresentazione?

Siamo nel cuore del dilemma antico e ancora irrisolto sulla natura della verità.

Un grandissimo uomo di teatro, Eduardo De Filippo scriveva, significativamente: “Nel teatro si vive sul serio ciò che gli altri recitano male nella vita”.

Un altro, di pari grandezza, Carmelo Bene sosteneva che il teatro è il luogo della perdita di ogni senso di sé e del mondo. La rappresentazione crea una indescrivibile, irripetibile isola nel flusso del tempo, trascinando interpreti e pubblico un’ esperienza emozionale sublimemente fine a sé stessa, eterna perché unica.

Uomo ed attore finiscono per identificarsi come nelle parole dell’ultimo monologo di Macbeth: “..la vita è  un povero attore che si pavoneggia ed agita per la sua ora sulla scena, e dopo nessuno se ne ricorda più…”

Nel racconto “Teatro del delitto” nel momento topico dell’azione criminale il diaframma tra realtà e rappresentazione, già labile, crolla del tutto, generando un gioco di specchi in cui il falso diventa vero e viceversa: il personaggio e l’interprete subiscono la stessa sorte di fronte al pubblico che non percepisce la differenza.

Rino Casazza

GLI ULTIMI LIBRI DI RINO CASAZZA: GUARDA

Due parole su questo sito blank

Rino Casazza

Rino Casazza è nato a Sarzana, in provincia di La Spezia, nel 1958. Dopo la laurea in Giurisprudenza a Pisa, si è trasferito in Lombardia. Attualmente risiede a Bergamo e lavora al Teatro alla Scala Di Milano. Ha pubblicato un numero imprecisabile di racconti e 15 romanzi che svariano in tutti i filoni della narrativa di genere, tra cui diversi apocrifi in cui rivivono come protagonisti, in coppia, alcuni dei grandi detective della letteratura poliziesca. Il più recente è "Sherlock Holmes tra ladri e reverendi", uscito in edicola nella collana “I gialli di Crimen” e in ebook per Algama. In collaborazione con Daniele Cambiaso, ha pubblicato Nora una donna, Eclissi edizioni, 2015, La logica del burattinaio, Edizioni della Goccia, 2016, L’angelo di Caporetto, 2017, uscito in allegato al Giornale nella collana "Romanzi storici", e il libro per ragazzi Lara e il diario nascosto, Fratelli Frilli, 2018. Nel settembre 2021, è uscito "Apparizioni pericolose", edizioni Golem. In collaborazione con Fiorella Borin ha pubblicato tre racconti tra il noir e il giallo: Onore al Dio Sobek, Algama 2020, Il cuore della dark lady, 2020, e lo Smembratore dell'Adda, 2021, entrambi per Delos Digital Ne Il serial killer sbagliato, Algama, 2020 ha riproposto, con una soluzione alternativa a quella storica, il caso del "Mostro di Sarzana, mentre nel fantathriller Al tempo del Mostro, Algama 2020, ha raccontato quello del "Mostro di Firenze". A novembre 2020, è uscito, per Algama, il thriller Quelle notti sadiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button