Bar SportFocusMediasocietà

Marotta tra Inter e Federcalcio, Gonzalo Higuain e la sua voglia di … Milan

(continua dopo la pubblicità)

 

 

blank

 

 

Marotta, ormai ex amministratore delegato della Juventus, intercettato (nell’ambito dell’inchiesta “Alto Piemonte”) al telefono mentre parlava coi giornalisti della Gazzetta dello Sport, semplicemente, chiedendo numi (ehm … diciamo così) su ciò che avrebbero scritto, ecco… stava facendo il suo lavoro e non ha affatto sbagliato. Quindi il bravo ed esperto calciofilo nulla ha fatto, nel merito, di particolarmente scabroso. E cercare a tutti i costi lo scandalo nel suo operato o in quello della Juve, ben inteso: se qualcuno ha sbagliato è giusto paghi, non è il massimo, ma fa ascolti. Tutti gli addetti ai lavori tuttavia, nel football, in materia di pubbliche relazione cercano giustamente di tirare il più possibile acqua al proprio mulino o a quello del team d’appartenenza. Piaccia o meno, la regola è questa.

Ciò detto, Beppe Marotta, al momento non rimpianto dalla Juve (società alla quale tanto ha dato, altrettanto ricevendo) e dagli juventini, sì … ha una voglia matta di tornare a lavorare e nei giorni scorsi ha ricevuto due proposte allettanti. La prima arriva dall’Inter dove, se l’affare andrà in porto, beh si troverebbe a lavorare col direttore sportivo Ausilio e con mister Luciano Spalletti che conosce molto bene e che forse, mah avrebbe gradito portare a Torino. Il secondo abboccamento invece arriva direttamente dalla Federcalcio, con la Figc che gradirebbe affidare al buon Beppe un ruolo di primo piano nella riorganizzazione della nazionale azzurra.

Restando a Milano Higuain (sembrerebbe che il presidente Andrea Agnelli non abbia particolarmente gradito la gestione del suo caso, oltre a  quello di Bonucci, e nei particolari la cessione dell’attaccante Higuain al Milan, ndr), in un’intervista alla “Gazza” dello Sport ha detto che dalla Vecchia Signora bianconera si è sentito scaricato e che ha una voglia matta di vincere col Milan, il suo nuovo team.

Stefano Mauri

(continua dopo la pubblicità)
(continua dopo la pubblicità)

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button

Adblock Detected

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie