Panoramasocietà

Sarah Tough difende un cucciolo di foca dai ragazzini che lo torturano e finisce in ospedale

(continua dopo la pubblicità)

Disavventura a “lieto fine” per una venticinquenne inglese, Sarah Tough, che ha difeso un cucciolo di foca dalle torture di una banda di adolescenti. Ha preso un pugno, ma è riuscita comunque a chiamare la polizia, che ha salvato il cucciolo

 

La storia la racconta il quotidiano inglese Metro. Si tratta della disavventura di Sarah Tough, 25 anni: la giovane stava passeggiando insieme al suo cane sulla spiaggia di Crimond Beach nella contea di Durham, in Inghilterra, quando si è accorta che un gruppo di ragazzi stava torturando un cucciolo di foca: lo stavano seppellendo vivo nella sabbia. “Ho detto che se non l’avessero smessa avrei chiamato la polizia”. La risposta? E’ stata presa a pugni sul naso. Ma Sarah è riuscita a chiamare comunque la polizia, giunta a tempo di record: il cucciolo è stato salvato. Quanto a lei, spiega a Metro, il suo naso fortunatamente non si è rotto, ma il piercing che ci portava sopra le ha perforato il setto.

Sarah ha poi mostrato sui social i segni della violenza subita.

 

Il cucciolo di foca spiaggiato è stato salvato dalla polizia

blank

I segni sul viso riportati da Sarah nella colluttazione con la baby gang

blank

Sarah racconta sui social la sua disavventura

blank

(continua dopo la pubblicità)
Pulsante per tornare all'inizio
Chiudi

Adblock rilevato

Per favore, disattiva il blocco della pubblicità su questo sito, grazie