Bar SportFocusMediasocietà

Max Allegri punta su Pjanic, ma occhio alla sorniona Lazio di Simone Inzaghi…

 

 

blank

Simone Inzaghi nelle vesti di allenatore è migliore del fratello – collega, oggi trainer del Venezia, Filippo detto Pippo, che quando giocava era a sua volta (invece) meglio dell’illustre parente centravanti pure lui?

Mah, i numeri e non solo dicono di sì: il team laziale, con una rosa discreta, ma non fortissima, con la media punti di 1,96 (buona, ma solo per ciò che possono valere i numeri… per carità, ndr) in classifica vola dove osano le aquile e … sogna un posto in Europa League.

In particolare la Lazio, domenica a Torino, allo Stadium, vale a dire nel fortino quasi inespugnabile bianconero, ecco alla Vecchia Signora guidata da Max Allegri (meno ironico, più malinconico e nervoso del solito) … proverà a fare lo sgambetto.

Salvo sorprese dell’ultima ora, nel big match (solo 5 punti distanziano le due squadre) delle 12.30, la capolista (con una partita in meno) Juventus scenderà in campo con un 4 – 3 – 1 – 2 potenzialmente in grado di mettere Pjanic di colpire e dialogare al meglio con Dybala. Questo atteggiamento può essere quello giusto, ma fossimo in Allegri, non disegneremmo lo schieramento a … respiro europeo 4-3-3 con la seguente rosa: Buffon, Lichtsteiner, Asamoah, Marchisio, Rugani, Bonucci,Pjanic, Rincon, Higuain, Pjaca, Dybala. Eh, sì diciamolo: le assenze causa squalifica di Alex Sandro e Sturaro a questa Juventus, inevitabilmente peseranno. Khedira? Un pochino di panchina non guasterebbe al pur forte centrocampista teutonico. No?

Tra i biancocelesti occhio al playmaker (nella Juve farebbe faville) Biglia, al faticatore Parolo, alla coppia fantasia Anderson – Milinkovic e all’ex avvelenato Immobile. A proposito, gli Allegri Boys per allontanare lo spettro della crisi, parola sconosciuta da anni da quelle parti del Po, non hanno scelte: devono vincere. Che ne pensate?

Stefano Mauri 

 

 

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button