Bar SportFocusMediasocietà

La Juve è troppo per questa Roma, ma la vittoria soprattutto è di Max Allegri

blank

 

Sicuramente non è stata una bella partita, ma la Juve, col minimo sforzo, ovviamente essendo fisiologicamente più forte, beh alla fine non ha rubato nulla e la vittoria di misura sulla Roma, grazie a un guizzo di Higuain, alla fine è meritatissima.

Soprattutto comunque ecco è stato il successo di Max Allegri che far convivere serenamente due centravanti di peso quali Mandzukic e il Pipita, far rendere al meglio e senza infortuni Khedira e, soprattutto, l’aver lanciato in orbita un centrale difensivo potenzialmente immenso del calibro di Rugani ecco è tanta roba, ma è appunto merito del timoniere tattico, colui il quale, da tanti, sottoscritto compreso, più volte è stato contestato o ripreso. No?

Cosa manca alla Juventus, Regina d’Italia (non ha rivali credibili) per trionfare in Europa? Mah un po’ di fortuna, un centrocampista alla Gagliardini (è meglio lui di Kessie) e un playmaker tipo Diawara avrebbero reso perfetta la macchina da guerra bianconera. Aspettando il calciomercato estivo adesso forse arriverà Witsel, meglio di niente, ma quel che conta è recuperare alla grandissima gli attaccanti Pjaca e Dybala per lanciare così quel 4-3-3 che potrebbe aprire scenari … ulteriormente di gloria. Ciò detto venerdì sarà tempo di Supercoppa Italiana col Milan. Vietato abbassare la guardia. Capito?

Stefano Mauri

 

 

Due parole su questo sito blank

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button