Bar SportFocusMediasocietà

Prandelli è il nuovo allenatore del Valencia del magnate Peter Lim (e di Mendes?)

 

blank

 

Quindi tanto tuonò che alla fine … piovve: finalmente Cesare Prandelli fu Claudio, dopo aver accarezzato l’idea intrigante di allenare l’Atalanta, dopo essere stato per qualche ora (poi l’affare è sfumato causa il presidentissimo Lotito) nientepopodimenoche … il trainer in pectore della Lazio, ecco da pochissimo è l’allenatore del Valencia, ambizioso (da rilanciare tuttavia) club spagnolo presieduto dal magnate Peter Lim e inserito, più o meno direttamente, nell’orbita sportiva della galassia firmata dal potentissimo procuratore e uomo d’affari portoghese Jorge Mendes.

Attualmente il nobile decaduto, ma appunto desideroso di risalire, team iberico da poco guidato da Prandelli, al quindicesimo posto in classifica, dista 5 lunghezze dall’ultimo posto buono per approdare, quantomeno, in Europa League.

A gennaio certamente, Liam e Mendes ricorreranno al calciomercato di riparazione per rinforzare la rosa. Riuscirà Prandelli a correggere la rotta?

Lo scopriremo vivendo, sicuramente il tecnico orceano di Orzinuovi ha una voglia matta di ripartire e gettarsi alle spalle le ultime esperienze negative maturate guidando rispettivamente la nazionale azzurra al Mondiale, deludente, in Brasile e il Galatasaray.

Ciò detto, sulla carta, Prandelli ha tutto per poter recitare il ruolo, positivamente of course, dell’attore protagonista in Spagna. Scommettiamo?

Stefano Mauri

 

 

Due parole su questo sito blank
Tag

Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close