DelittiFocusGiustiziaItalia

Caso Yara, la testimone: «Era vicino alla casa di Yara, l’ho riconosciuto in una foto»

«Sì, l’uomo con cui ho parlato mi pare proprio quello ritratto in una foto dell’epoca di Bossetti, in cui è castano e un po’ più pienotto. È la foto che hanno fatto vedere in quella trasmissione. Ma preferirei non dire nient’altro e lasciare che gli inquirenti continuino il loro lavoro».

 yara 2

Così dice a OGGI la donna che qualche settimana fa ha messo a verbale di aver notato Massimo Bossetti proprio vicino alla casa di Yara Gambirasio la sera della sua scomparsa.

Gli avvocati di Bossetti: «Yara fu spogliata, ferita e rivestita»

IL RACCONTO- La donna, Marina Abeni, già quattro anni fa raccontò di essere uscita a passeggio lungo via Rampinelli con due dei suoi cani quella fatidica sera. E di essersi imbattuta, proprio nei pressi della stradina che conduce alla villa dei Gam­birasio, in una coppia di sconosciuti “appostata” oltre un arbusto. Dopo l’arresto di Bossetti non lo aveva riconosciuto nelle foto mostrate dai media. Diverse da quella rivelata di recente dalla trasmissione «Quarto Grado», che l’ha portata invece a fare la sua nuova deposizione.

Yara, anche il fratello di Bossetti sarebbe illegittimo. Ma perché rivelarlo?

 

massimo bossetti

Un pilota della protezione civile: “Yara non può essere rimasta tre mesi nel campo”.

AFFIDABILE- La testimone, rivela OGGI, finora ha superato tutti gli inevitabili “stress test” di affidabilità a cui va incontro un teste di giustizia.

Schembri: “La prova del dna che accusa Bossetti potrebbe trasformarsi in un debole indizio. Ecco perché”

 

Due parole su questo sito blank

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button