NewsPanoramaSalutesocietà

I virus più diffusi e pericolosi per numero di morti annuali secondo l’Oms

L’emergenza ebola porta a riflettere sui tanti virus pericolosi nel mondo. Ecco i più diffusi: hiv, epatite B, influenza, hpv, rabbia

aids

HIV– Provoca ogni anno tra 1,6 e 1,9 milioni di morti. Il virus proviene dalle scimmie africane. Diventa noto alla popolazione agli inizi degli anni 80. Si diffonde attraverso sangue e liquidi sessuali (nell’85% dei casi) o per via verticale (da mamma a figlio). È responsabile dell’Aids, di cui si contano 34 milioni di ammalati nel mondo, il 69% in Africa sub-sahariana.

EPATITE B– Ogni anno un milione di persone muore per epatite. La più letale è l’epatite B, che ne uccide 600mila e, rispetto alle varianti, riesce a infettare da 50 a 100 volte di più.

INFLUENZA– L’influenza, nonostante i vaccini a disposizione, si calcola che uccida tra le 250mila e le 500mila persone all’anno. I più a rischio sono anziani e persone già affette da importanti malattie.

HPV– Il papilloma virus umano è forse il virus più diffuso. In linea di massima, ma non sempre, si trasmette per via sessuale. Si ritiene che contagi circa il 75% degli individui in età sessuale. Solitamente è asintomatico, può portare a verruche genitali. Ne esistono 120 tipi diversi. Due di questi tipi, tuttavia, risultano responsabili del 99% dei cancri alla cervice (3500 donne colpite all’anno, mille decessi). Da qualche anno è disponibile in Italia un vaccino, indicato soprattutto per le il genere femminile, per cui il ministero consiglia il vaccino a bimbe tra gli 11 e i 12 anni.

Ebola: come prevenirla. Parla Fabrizio Pregliasco- LEGGI

RABBIA– La rabbia è ancora diffusa e si trasmette attraverso la saliva e il morso degli animali infetti. Non solo cani, anche pipistrelli, volpi, procioni, puzzole, coyote. È particolarmente diffusa in Africa e Sud Est asiatico e ogni anno miete 55mila vittime. In Italia era scomparsa dal 1997 al 2008, ma da allora e fino al 2010 si sono registrati centinaia di casi tra gli animali di Friuli-Venezia Giulia, Veneto e della Provincia Autonoma di Trento, probabilmente per via di una correlazione con gli animali selvatici della Slovenia. Con la rabbia vengono spiegate spesso le leggende su vampiri e licantropi, ammalati in realtà di questa patologia. Negli ultimi anni sta emergendo un ceppo simile, proveniente dai pipistrelli, denominato lyssavirus.

 

Due parole su questo sito blank

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button