NewssocietàSpettacolo

“Per diventare Veline? Fate danza e non imitate”

 

 

Ludovica_Frasca_e_Irene_Cioni_VelineCambiare tutto per continuare a ridere. Alla scrivania di Striscia la Notizia, Enzo Iacchetti ed Ezio Greggio hanno lasciato il posto come da tradizione a Ficarra e Picone. Sul bancone, invece, continuano a ballare le Veline Irene Cioni e Ludovica Frasca. Che noi abbiamo intervistato…

Ragazze, come vi trovate con la nuova coppia di conduttori?

Irene: «Sono due comici molto bravi, sia a Striscia che fuori, e ci fanno ridere molto».

Ludovica: «Sono simpatici, ci troviamo bene ed è sicuramente diverso rispetto a prima perché, essendo loro più giovani, c’è un rapporto più diretto. Greggio e Iacchetti erano molto protettivi nei nostri confronti».

In generale, come vi trovate nel programma di Ricci?

Irene: «Il bilancio è positivo. Si imparano tante cose e si conoscono tante persone. Dopo questi mesi, mi sento a casa».

Ludovica: «Ci troviamo così bene che nel weekend sentiamo la mancanza l’una dell’altra. Stare divise ci intristisce».

Come vi tenete in forma?

Irene: «Ci alleniamo quasi tutti i giorni per le coreografie. A tavola non mi faccio problemi, anche se sono cresciuta con le verdure dell’orto di mia nonna e con i piatti genuini. Poi amo lo sport e anche fare delle passeggiate».

Ludovica: «Facciamo molti esercizi a corpo libero. Per il resto, amo cucinare e, seppure in piccole porzioni, mangio di tutto».

La vostra giornata tipo?

Irene: «Quando non dobbiamo fare le telepromozioni, che ci costringono a iniziare prestissimo al mattino, o il corso di dizione, arriviamo verso l’una, facciamo palestra e proviamo gli stacchetti. Poi pausa caffè e via con la diretta».

Come investite i vostri guadagni?

Irene: «Come tutte le donne amo fare shopping, però non esagero e metto da parte anche molto di quello che guadagno».

Ludovica: «I soldi mi servono per pagare le bollette e mantenermi a Milano. Quello che avanza lo metto da parte. Amo fare regali: al mio fidanzato compro biglietti per gli spettacoli teatrali».

Un pregio e un difetto della tua collega.

Irene: «Di Ludovica mi piace che è molto seria sul lavoro, si impegna ed è puntuale. Con lei si lavora bene. È solo un po’ troppo protettiva nei miei confronti».

Ludovica: «Tra me e Irene c’è sinergia. Siamo l’una l’opposto dell’altra, ma proprio per questo ci compensiamo molto. Un difetto? A volte non mi ascolta».

Quale consiglio date alle ragazze che sognano di fare le Veline?

Irene: «Fate tanta danza!».

Ludovica: «Evitate di imitare qualcuno perché è una cosa non apprezzata. Se è destino, farete le Veline, altrimenti ci saranno altre strade».

Come vivete la notorietà?

Irene: «È molto emozionante essere riconosciute per strada e vedere la gente che ti fa i complimenti. Mi accorgo che la mia vita è cambiata soprattutto quando torno al mio paese. Lì ho mille occhi addosso. Qui a Milano, invece, è più normale».

Ludovica: «Cerchiamo di creare sempre un bel rapporto con chi ci riconosce per strada e ci ferma per salutarci. Vediamo che poi tutti vanno via dicendo che siamo brave e carine. Questo ci lusinga».

Cosa fate durante il tempo libero?

Irene: «Io adoro uscire, provare nuovi ristoranti, andare al cinema, uscire con le amiche e fare shopping».

Ludovica: «Se c’è una giornata uggiosa, mi piace stare a casa a cucinare, o andare al cinema».

Siete fidanzate?

I&L «Sì, ma i nostri ragazzi non fanno parte del mondo dello spettacolo».

Cosa vi colpisce soprattutto di un uomo?

Irene: «Non mi piacciono i “belloni”. Per me un ragazzo deve essere soprattutto intelligente e gentiluomo. Il tipo un po’all’antica, che ti apre lo sportello della macchina».

Ludovica: «Un ragazzo deve prima di tutto prendermi a livello psicologico. L’aspetto fisico, da solo, non basta. Deve sapermi tenere testa, perché io ho un carattere forte. Anche se sono molto buona e diplomatica, tendo sempre a comandare e a prendere il controllo della situazione».

Cosa vi augurate per il vostro futuro professionale?

Irene: «Mi piacerebbe lavorare nel cinema».

Ludovica: «Mi piacerebbe condurre un programma. Anche la recitazione è una cosa che mi emoziona tantissimo».

Qual è il vostro rapporto con la fede?

Irene: «Sono credente e vado spesso a Messa. Durante gli anni del liceo ho insegnato anche catechismo. Ho smesso nell’anno della maturità perché insegnare due volte a settimana era diventato davvero troppo impegnativo».

Ludovica: «Per un periodo, a Caserta, ho provato a impegnarmi nella beneficenza: aiutavo nella mensa dei poveri, regalavo i miei vestiti smessi… Penso che sia un buon principio essere buoni e misericordiosi verso il prossimo. Non vado spesso a Messa e di questo mi pento molto. Però mi emoziona molto entrare in chiesa e, quando capita, sono contenta».

 

Simona Saia per Stop

 

Due parole su questo sito blank

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button