gossipSpettacolo

Verdone: “Vi racconto il mio ultimo film”

 

 carlo verdone

Non ha bisogno di presen­tazioni, Carlo Verdone. Memorabile nelle tante commedie di cui è sta­to negli anni regista e attore, alcune delle quali diventate dei veri e propri cult con frasi tormentone ancora oggi cono­sciute dalla gente. Commedie che hanno in genere il merito di farci ridere, ma anche ri­flettere su situazioni che ci ri­guardano un po’ tutti da vicino. Come nell’ultima commedia, Sotto una nuova stella (nei ci­nema dal 13 febbraio e nel cui cast ci sono anche Paola Cor­tellesi, Tea Falco e Lorenzo Ri­chelmy), che il brillante artista romano ci racconta in quest’in­tervista.

Carlo, il tuo film affronta temi attualissimi che coin­volgono sempre più perso­ne, purtroppo…

«Il tema principa­le, ovviamente incanalato se­condo il linguaggio della commedia, è quello dello scollamento fra genitori e figli, vale a dire quel disagio generazionale che ac­compagna i giorni nostri e che si mescola con l’attuale preca­rietà lavorativa. Un problema che colpisce me direttamente nel film, dove interpreto un uomo di sessant’anni che per­de un lavoro prestigioso per via di una scandalo che colpi­sce la holding finanziaria nella quale lavora. È un film in cui ci si ritroveranno in molti: ra­gazzi, padri, donne che con­vivono con le loro solitudini e la loro insoddisfazione. Si parla di argomenti seri, che ho cercato di proporre nei canoni stilistici di una commedia. Mi sento di dire che la nostra è una commedia brillante con tocchi poetici e malinconici, un film pieno di affetto, che alla fine trionfa sopra ogni cosa».

C’è qualcuno a cui hai vo­luto dedicare questo film?

«L’ho voluto dedicare innan­zitutto ai miei figli e alle nuove generazioni, perché è arriva­to il momento che si diano ai nostri giovani le opportunità che meritano, le stesse che ab­biamo avuto noi della passata generazione. I giovani sono il futuro. I nostri figli sono molto più maturi e in gamba di quan­to possiamo immaginare. È per questo che bisogna essere ottimisti e credere nelle nuove generazioni, in modo da dar loro la possibilità di non falli­re laddove dove abbiamo fal­lito noi».

Tu, tramite le tue comme­die, sei sempre molto atten­to ai temi sociali. Infatti con uno dei tuoi ultimi lavori alla regia, Posti in piedi in Paradi­ so, hai toccato un altro tema quanto mai attuale: i nuovi poveri generati dalla crisi economica, in particolare uo­mini che si ritrovano in mi­seria per la crisi, ma anche a causa di ex mogli un po’ trop­po vendicative…

«Quello che stiamo viven­do è certamente un momento di grande disagio per tutto il mondo. Ogni mattina ci alzia­mo con l’ansia delle borse e dello spread e sembra che sia­mo tutti legati con lo scotch a una situazione che rischia di precipitare ogni giorno più a fondo. Personalmente non ri­esco a concepire il mio lavoro scollato dalla realtà, per cui lo sforzo è sempre quello di co­niugare la risata con la vita re­ale delle persone, come può es sere appunto oggi il problema drammatico dei nuovi poveri. Ho sempre creduto fermamen­te che, anche di fronte a temi molto forti, se la commedia è fatta bene e con rispetto, que­sta può raccontare i problemi del nostro tempo molto meglio di un film drammatico».

È vero che, proprio per aver trattato un tema eviden­temente molto sentito dagli italiani, hai ricevuto migliaia di lettere da parte di padri separati?

«Sì, è così, e da questo ci si rende conto quanto sia vasto il problema. Dalle lettere che ho ricevuto è emerso che il dolore più grande dei padri è quello di non poter vedere i propri figli quanto vorrebbero, oltre chia­ramente agli oggettivi proble­mi economici che in diversi casi un divorzio provoca. Con la conseguenza di generare una nuova categoria di poveri: quella appunto dei divorziati».

Un problema, quello lega­to ai figli (Carlo ne ha due, avuti da Gianna Scarpelli, da cui è separato: Giulia, di 27 anni, e Paolo, di 25, ndr), che tu fortunatamente non hai sperimentato…

«No, per fortuna. E, anzi, sia io che Gianna siamo consape­voli di quanto siamo fortunati ad avere due figli come i nostri. Sono dei bravi ragazzi e conti­nuano a darci grosse soddisfa­zioni».

Che cosa vogliono fare da grandi?

«Giulia lavora nella distribu­zione cinematografica, mentre Paolo si occupa di politica internazionale. Ha fatto dei ma­ster all’estero perché in Italia non era riuscito a trovare esat­tamente ciò che cercava».

Come vedi questo 2014 dell’Italia? Avrà finalmente la sua buona stella?

«Io sono ottimista, penso che il peggio sia passato, anche se la risalita sarà lenta e potrà av­venire in tempi certo non bre­vi. L’importante è che l’Italia ritrovi due cose fondamenta­li affinché si possa ripartire: l’etica e la serietà».

Intanto, per te come attore, sembra che quest’anno sia nato proprio sotto una buona stella. Cogliamo dunque l’oc­casione per farti un “in bocca al lupo” per La grande bellez­za (il film di Paolo Sorrentino di cui Carlo è interprete, che ha appena conquistato i Gol­den Globe e che concorrerà anche agli Oscar come mi­glior film straniero, ndr).

«Siamo tutti felicissimi per­ché Paolo ha fatto un film dav­vero bello e molto complesso, che va al di là del decadimento morale di Roma e che allarga invece la prospettiva a tutta la società occidentale dei giorni nostri».

 

Vincenzo Petraglia per Vero

 

Due parole su questo sito blank
Tag
Leggi di più

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close