GiustiziaItaliaMafia

IL FRATELLO DI PADRE PUGLISI A «OGGI»: «SONO IL FRATELLO DI UN SANTO MA NON RIESCO A PERDONARE IL SUO ASSASSINO»

Anticipazioni del numero di Oggi in edicola da mercoledì 8 maggio

 

puglisi

«Sono il fratello di un Santo. Forse dovrei essere felice per questo, ma non è così. Perché Pino non c’è più».
Parla, in un’intervista al settimanale OGGI, in edicola da mercoledì 8 maggio Gaetano Puglisi, fratello del sacerdote, ucciso a Palermo nel 1993, che sarà beatificato il 25 maggio.
Don Pino Puglisi fu ucciso con un colpo alla nuca da Salvatore Grigoli, che fu arrestato nel ’97, divenne collaboratore di giustizia e oggi ha una nuova identità.
«Ha un’altra vita, dopo aver privato mio fratello della sua. E non ha ucciso solo Pino. Dicono che si è pentito. Ma lo ha fatto per convenienza… Grigoli non avrai ma il mio perdono. Mai. Avrà solo il mio disprezzo e la mia rabbia. Fino all’ultimo dei miei giorni lo maledirò».
Su OGGI c’è anche l’allarme di Maurizio Artale, presidente del Centro Padre Nostro di Brancaccio, fondato da Puglisi: «Abbiamo fatto un centinaio di denunce: furti, atti intimidatori, minacce. L’intento è quello di farci andare via. A Brancaccio nulla si muove che la mafia non voglia».

Due parole su questo sito blank
Tag
Leggi di più

Articoli correlati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to top button
Close