Home / Bar Sport / Mertens alla Juve? Giroud all’Inter e Ibra al Milan? Ah che attributi ha Sarri!

Mertens alla Juve? Giroud all’Inter e Ibra al Milan? Ah che attributi ha Sarri!

 

 

 

Complice la pausa del campionato per i vari, svariati e numerosi impegni delle varie rappresentative nazionali, ecco il calciomercato invernale di riparazione, con inevitabile onda verso quello estivo 2020, già impazza.

Rakitc lascerà il Barcellona? Ibrahimovic (mah più facile arrivi Mandzukic alla corte di Pioli) tornerà al Milan? Giroud si è promesso all’Inter? E’ vero che la Juventus insegue Mertens? Veramente Demiral ha le valige pronte per lasciare la Torino bianconera e approdare sulle rossonere sponde del Naviglio milanese?

Questi, ma non solo, i quesiti più ricorrenti. L’impressione? Non ci saranno terremoti, ma a gennaio qualcosa succederà. Scommettiamo?

Chapeau intanto al mister juventino Maurizio Sarri il quale, alla faccia dei tanti pregiudizi sul suo conto, beh… sin qui sta facendo ampio turnover, giostrandosi, fermo restando il caposaldo della difesa a quattro, nientepopodimeno che tra due moduli tattici.

E clamoroso sotto la Mole Antonelliana, domenica scorsa, nel vittorioso match col Milan vinto a fatica e di misura, Sarri per la seconda volta consecutiva, dimostrando di avere le idee chiare ha sostituito sua maestà, spenta e stanca, Cristiano Ronaldo che ovviamente non ha gradito e ora dovrà confrontarsi coi compagni nel chiuso dello spogliatoio.

Stefano Mauri

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.