Home / Bar Sport / Cristiano Ronaldo ha scelto il suo ruolo nella Juve di Sarri. Paratici e Marotta…

Cristiano Ronaldo ha scelto il suo ruolo nella Juve di Sarri. Paratici e Marotta…

Così come ha (quasi) sempre fatto nel corso della sua carriera, sin qui, ecco pure stavolta, dopo aver parlato con mister Maurizio Sarri un mesetto fa (il nuovo trainer bianconero Cr7 lo gradirebbe nel ruolo di prima punta o attaccante centrale), Cristiano Ronaldo a quanto pare ha scelto dove giocherà.

Ergo l’asso portoghese continuerà a esibirsi sul fronte offensivo sinistro, vale a dire laddove da anni si sente a suo agio.

Riuscirà mister Sarri a costruire, intorno all’ex fuoriclasse del Real Madrid una rosa vincente? Sì se Andrea Agnelli (il presidente gradiva forse proseguire con Allegri?) Pavel Nedved e Fabio Paratici lo supporteranno e, in parte, lo asseconderanno nelle scelte del calciomercato estivo riferite alla voce centravanti http://bästa-bredband.se/.

Ah … condizionale rigorosamente d’obbligo, mah il general manager Marotta dell’Inter e l’ex collaboratore, oggi deus ex machina juventino, Paratici continuerebbero a non parlarsi. Tra i due il feeling una volta intenso, denso e interattivo sarebbe ridotto ai minimi termini. O meglio, addirittura inesistente.

A interagire coi nerazzurri interisti, per questioni calcistiche è il vicepresidente Nedved in persona.

Resta infine un mistero l’affaire Icardi. Davvero Marotta e soci non avevano un altro modo per definire l’uscita di scena, dalla Milano nerazzurra, dell’ex capitano argentino? Mistero!

Stefano Mauri

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.