Home / Bar Sport / Mister Max Allegri, il toptrainer un po’ naif che talvolta sbaglia ma spesso ci azzecca

Mister Max Allegri, il toptrainer un po’ naif che talvolta sbaglia ma spesso ci azzecca

 

 

Sì è davvero bravo mister Massimiliano Allegri da Livorno, o meglio, attualmente può tranquillamente essere considerato il miglior allenatore italico in attività l’addetto ai lavori livornese preparato, guascone, minimalista e lungimirante che… ecco, con quell’aria un pochino naif, se e quando sbaglia (sbagliare è, resta e resterà umano, no?), alla fine (vedi Atletico Madrid) riesce pur sempre a farsi perdonare. E sorridendoci sopra, senza far pesare nulla, permeabile alle critiche, lucido, acuto nel leggere la partita e a impostare gli eventuali cambi.

La sa veramente lunga l’ex allievo di uno straordinario Giovanni Galeone (grande trainer: ai suoi tempi avrebbe meritato maggiore attenzione) che, ecco ormai il ”vecchio” maestro l’ha superato ampiamente e … se magari a volte fa incazzare (me compreso) i tifosi della Juventus o gli esteti, riesce comunque a farsi perdonare o a stupire con trovate geniali tipo Emre Can e Cuadrado difensori destri, Mandzukic laterale avanzato tuttofare, Dybalatuttocampista (esperimento questo in parte da decifrare ancora) e altre “Allegrate” delle sue.

Riuscirà a vincere la Champions League con la Juventus il Max? Lo scopriremo vivendo, certamente Cristiano Ronaldo, l’uomo giusto al posto giusto, può aiutarlo nell’impresa. Ah … se la Coppa Campioni, per la Juve non è più un incubo, in parte il merito è pure di Allegri, no?

Stefano Mauri

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.