Home / Bar Sport / Più del Cholismo non potè l’Allegrismo, Chapeau all’Atletico italico del Cholo e Berta

Più del Cholismo non potè l’Allegrismo, Chapeau all’Atletico italico del Cholo e Berta

 

 

Detto che mister Simeone non è un educatore e non lo sarà mai, ma soprattutto è un allenatore che deve allenare, e che forse poteva (ma per carità non ha fatto nulla di male, ndr) risparmiarsi certe sfumature nell’esultare, ecco il suo Atletico Madrid, nell’andata degli Ottavi di Finale di Champions League ha dominato la spenta, intimorita, brutta e senza personalità Juventus, meritando la vittoria per due reti a 0. Ah… non esprimerà l’arioso football del fu Milan di Arrigo Sacchi questo Atletico, club pensato dal manager italiano Andrea Berta da Orzinuovi, ma con pochi tocchi Morata (ah che errore dare Higuain al Milan la scorsa estate per poi girarlo al Chelsea liberando l’Alvaro ex terribile) e soci arrivano verso la porta avversaria, capito? Simeone il tostissimo calcisticamente parlando si è forgiato nella Litte Italy e il suo calcio è tanto semplice, quanto efficacie: addormentare la gara e agire di rimessa nelle pieghe altrui, no?

Ergo, lo scorso mercoledì 20 febbraio, a Madrid, nella caliente tana dei biancorossi, più del Cholismo (non) potè (senso negativo) l’Allegrismo (non è scarso Allegri Massimo da Livorno, ma ogni tanto eccede nelle cappellate calcisticotatticotecnico), nel senso che la Vecchia Signora, nulla ha fatto per provare a dire la sua. E quando si scappellano certe notti, in certe nottate, forse vuol dire che non si è pronti per alzare certe coppe. Il verdetto al campo il prossimo mese di marzo.

Stefano Mauri

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Ignora