Home / Bar Sport / Ma che fine ha fatto mister Cesare Prandelli fu Claudio? Perché non allena?

Ma che fine ha fatto mister Cesare Prandelli fu Claudio? Perché non allena?

 

 

Possibile che mister Cesare (fu Claudio e … chissà perché è sparito il suo secondo o primo, mah, nome?) Prandelli non abbia ancora trovato una panchina degna di tale nome in una piazza calcistica che conta?

Terminata, dopo il disastro (ma non è poi che il suo successore Ventura – Sventura abbia fatto meglio, anzi) al Mondiale in Brasile 2014 l’avventura azzurra, Prandelli dopo esperienze sfortunate in Turchia, in Spagna e negli Emirati Arabi e, soprattutto dopo che con Atalanta e Lazio, pur con modalità differenti nulla è quagliato, beh non ha ancora ritrovato il feeling giusto con un club, o meglio, un progetto degno di tale nome.

Sedotto e abbandonato due volte (2004 e 2010) dalla Juventus ancor prima di intravedere all’orizzonte l’altare, il buon Cesare calcisticamente parlando forse si è smarrito agli Europei 2012 allorquando, alla guida dell’Italia, giunse secondo appunto all’Europeo annientato, con la sua bella rappresentativa, dalla super Spagna di allora.

Già che è successo sei anni fa a Prandelli da Orzinuovi, orceano Rock (nella sua Orzinuovi ha pure recitato una parte in un cortometraggio amatoriale, ndr) smarritosi sul più bello, quando con Balotelli e soci sfiorò la realizzazione di un sogno straordinario? Ah a non saperlo! Fatto sta che da anni ormai Cesare Prandelli, dal punto di vista sportivo non sembra più lui. No?

Stefano Mauri

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi