Home / Bar Sport / Zidane torna alla Juve, Gattuso già balla la panchina, e Carletto che farà?

Zidane torna alla Juve, Gattuso già balla la panchina, e Carletto che farà?

 

 

 

 

Zinedine Zidane, ex allenatore del Real Madrid è pronto a ritornare alla Juventus. In quale vesti? Tanto per iniziare e gradire Zizou dovrebbe fare il dirigente, o meglio l’assistente del direttore sportivo Paratici. E … allorquando mister Allegri deciderà di lasciare la panchina della Juve, proprio come fece anni fa il Milan con Leonardo, beh Zidane si troverebbe in pole position. No?

Nota a margine: come reagirà il tecnico bianconero all’avvento, o meglio all’insediamento del suo eventuale, prossimo, futuro sostituto? Mistero?

Capitolo Milan: Rino Gattuso, attuale tecnico rossonero sembra il classico professionista a tempo. “Ringhio” ha provato in tutti i modi a convincere il presidente Scaroni (sa il fatto suo il manager) a confermare l’ex direttore sportivo Marinelli, colui il quale gli affidò la panca che fu di Montella. E… diciamolo lo stesso Gattuso rischia, proprio come il suo predecessore illustre di non mangiare il panettone. Scommettiamo? Del resto il Fondo Elliot gradirebbe, da subito, tecnici del calibro di Wenger e Conte, ma per il momento Gattuso resta al suo posto (azzardo calcolato o sbaglio?). Per adesso, almeno!

E Carletto Ancelotti a Napoli riuscirà a far meglio di Sarri? Detto che per centrare questo obiettivo il Napule deve vincere lo scudetto, la mission si annuncia proibitiva.

Ma quando in ballo c’è il Carletto… mai dire mai. Capito?

Stefano Mauri

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi