Home / Bar Sport / Il Tottenham del bomber Kane (già del Real?) sulla strada per Kiev della Juve

Il Tottenham del bomber Kane (già del Real?) sulla strada per Kiev della Juve

 

 

 

 

Marcello Lippi, allenatore pluridecorato e Campione del Mondo 2006 con l’Italia, dalla Cina dove allena la nazionale, in un’intervista rilasciata recentemente al Guerin Sportivo, sicuro e convinto così si è espresso sul tormentato rapporto tra la Juve e l’Europa che conta pallonara: <La Juve, quest’anno più esperta, completa e con mentalità internazionale, volerà a Kiev per vendicare i due ultimi Ko>.

Insomma, il Marcello (ma alla fine l’ex Ct Ventura lo scelse lui o no?) internazionalpopolare, Barcellona, Manchester City e Psg permettendo, è possibilista in merito a un eventuale trionfo (ma serve il miglior Dybala) juventino là dove osano le aquile nel Vecchio Continente pallonaro.

Per arrivare in Ucraina e giocarsi la Coppa dalle grandi orecchie però, prima gli Allegri Boys dovranno eliminare, appunto sulla strada che porta verso la gloria, il temibile Tottenham allenato da mister Pochettino (Atletico Madrid, Bayern Monaco, Psg e Real Madrid seguono con attenzione il coach argentino), team sbarazzino portato in alto, sin qui, dai gol del bomber inglese (è già del Real Madrid?) Harry Kane.

Tra i londinesi tuttavia militano altri elementi interessanti del calibro di Eriksen, Alli, Dembelè, Winks, Llorente e Trippier.

Insomma, per la Juventus che freme dalla voglia di vincere fuori dall’Italia, questi ottavi di finale rappresentano un bel banco di prova. No?

Stefano Mauri

 

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi