Home / Bar Sport / Che bella Juve a Bologna, male l’Inter, malissimo il Milan, ok Napoli e Roma

Che bella Juve a Bologna, male l’Inter, malissimo il Milan, ok Napoli e Roma

 

 

 

La Juventus, al termine di una partitissima da top club espugna quindi Bologna per 3 reti a 0 e risponde al Napoli che aveva dominato a Torino sul Toro.

Vince, ma di misura la Roma e, a giocarsi lo scudetto saranno proprio, da qui alla fine del campionato, queste tre squadre più l’Inter.

Anche l’Inter dunque, nonostante il pesantissimo ko interno con l’Udinese non è fuori dai giochi che contano, ma bisognerà appunto vedere come reagiranno i nerazzurri, dopo la sconfitta casalinga.

Il Milan? Crisi nerissima che perdere a Verona, sì è troppa roba per i Gattuso Boys. No?

Ma torniamo alla Juve, vittoriosa e convincente a casa dei rossoblù bolognesi, piazza questa tradizionalmente ostica per i bianconeri. In gran spolvero, tra la compagine allenata da mister Allegri (voto 8) Pjanic, Mandzukic, Douglas Costa, De Sciglio e Matuidi. Alex Sandro? Prova sufficiente, il brasiliano partirà soltanto se verrà sostituito adeguatamente e … se arriverà la giusta offerta.

E … sabato sera partitissima tra la Vecchia Signora e i lanciatissimi Lupacchiotti giallorossi guidati dal bravissimo De Francesco, trainer questo tra i più innovativi, interessanti, propositivi e rock. Che ne dite?

Ah… in casa milanista il malcapitato Gattuso è in seria, oggettiva difficoltà. Ergo… non tutti i problemi (tanti) andavano attribuiti a Montella. Vero Mirabelli?

Stefano Mauri   

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi