Home / Bar Sport / Napule e l’avvio da incubo in Champions: ma è competitiva la nostra serie A?

Napule e l’avvio da incubo in Champions: ma è competitiva la nostra serie A?

 

 

Complice un inizio di partita shock, da vero e proprio incubo quindi, il Napoli ha perso di misura a Manchester col City, Mertens ha pure sbagliato un rigore, penalty poi realizzato da Diawara “freddo” ad accorciare le distanze.

Detto dell’avvio tremendo coi Guardiola Boys spettacolari a tratti, veloci e… ovunque a fare la partita, ad onor del vero il Napule incartato si è poi ripreso, con Hamsik (soffre l’attuale centrocampo griffato Sarri?) sciupone e troppo leggero là davanti incapace di far male agli avversari.

Che partita è stata al netto del Ko partenopeo? Allora, fondamentalmente il divario tra il football italico e il resto del mondo è, in particolare analizzando i primi 45 minuti di gioco, tuttora troppo marcato, che mai negli ultimi mesi i Sarri Boys avevano patito tanto come all’inizio del big match, bella partita per carità ma troppe attese ed eccessiva fiducia hanno probabilmente intimorito i partenopei, gli inglesi allenati da quel volpone (la sua vigilia è stata da Oscar) di Guardiola.

Che dire di Sarri? E’ tra i migliori tecnici italici sulla piazza, può vincere lo scudetto, ma per far bene in Europa, ecco forse serve dell’altro. No?

Detto ciò il Napoli torna dalla vecchia Inghilterra ridimensionato, ma non sconfitto … nonostante il risultato.

Stefano Mauri

 

 

 

Chi è Stefano Mauri

Stefano Mauri nato a Crema nel gennaio 1975, mese freddo e nebbioso per eccellenza. E forse anche per questo, per provare a guardare oltre la nebbia e per andare oltre le apparenze, con i suoi scritti prova a provocare, provocare per ... illuminare. Giornalista Free Lance, Sommelier, Food and Wine Lover, lettore accanito, poeta e Pierre appassionato, Stefano Mauri vive, lavora, scrive, degusta, beve e mangia un po' dappertutto. E ovunque si prefigge lo scopo di accendere se non una luce, beh almeno un lumino, che niente è come sembra, niente. Oltre a collaborazioni col mondo (il virtuale resta una buona strada, ma non è La Strada) web, Stefano Mauri, juventino postromantico e calciofilo disincantato, collabora con televisioni, radio e giornali più o meno locali. Il suo motto? Guardiamo oltre, che dietro le apparenze si cela il vero mondo.

Leggi anche

Allegri, Montella, Ventura: e giocare di rimessa? Napoli, Lazio e Inter da Oscar

      Allora, nel 2010, l’allora Fc Internazionale allenata da un certo Mourinho, in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi