Home / Brera Dixit / Verso una Brexit sempre più dura

Verso una Brexit sempre più dura

Nei giorni scorsi Michel Barnier ha detto, e quindi sancito ufficialmente, quello che tutti sapevano già: i negoziati sulla Brexit non hanno fatto sostanziali passi avanti, quindi le prime trattative sul futuro accordo commerciale fra Ue e Gb non partono ancora.

Che cosa è successo? L’Unione Europea ha chiesto in via prioritaria la soluzione di tre problemi: i soldi che la Gran Bretagna dovrà tirar fuori per onorare impegni precedenti (“conto del divorzio”), la posizione degli espatriati e il confine fra le due Irlande. Londra però rifiuta tassativamente di dire quanto è disposta a pagare, non vuole che sia la Corte di giustizia europea a risolvere in ultima istanza i problemi degli espatriati, e non ha un piano per il confine – dopo aver però dichiarato che la Gran Bretagna non vuole rimanere né nell’Unione doganale né nello Spazio economico europeo, il che in pratica comporta un confine “duro”, con l’ispezione di veicoli e persone che lo attraversano.

La soluzione dei tre problemi si è arenata su altrettanti scogli. Per i primi due, gli scogli sono politici, ma molto radicati. Qualunque cifra Londra accettasse come “conto del divorzio” sarebbe criticata dagli zelatori della Brexit come eccessiva. Per di più i britannici temono che una volta concordata e pagata la cifra, il loro Paese perderebbe potere contrattuale. Sugli espatriati invece il problema è che i brexiter non ne vogliono sapere, per motivi di sovranità nazionale, di dare alcun potere alla Corte di giustizia europea.

Il governo di Theresa May è troppo debole per affrontare le eventuali critiche dai banchi di Westminster o dalla società (specialmente dai tabloid): pertanto questi punti morti sono destinati a mantenersi nel tempo. Nonostante la recente decisione del Consiglio Europeo di invitare i negoziatori a riflettere su un futuro accordo commerciale. diventa sempre più probabile che il 31 marzo 2019 la Gran Bretagna cessi di essere membro dell’Ue senza nessun accordo in atto, neanche per la pura e semplice separazione. È la cosiddetta Hard Brexit, che promette di essere addirittura hardissima.

Le conseguenze sarebbero (saranno?) molto pesanti, sopra tutto per la Gran Bretagna. Tutto il commercio con l’Ue e con i Paesi firmatari degli accordi commerciali con l’Ue passerà al regime Wto, con sensibili dazi doganali e possibili barriere non tariffarie. Il settore finanziario perderà la possibilità rifornire il mercato dell’Unione, con un enorme contraccolpo sull’economia britannica, fatta all’80% di servizi. Dulcis in fundo, la libertà di movimento dei lavoratori (e dei pensionati) scomparirà. Una vera e profonda catastrofe che forse è già inevitabile.

Paolo Brera

 

Chi è Paolo Brera

Paolo Brera è nato nel secolo scorso, non nella seconda metà che sono buoni anche i ragazzini, ma nell’accidentata prima metà, quella con le guerre e Charlie Chaplin. Poi si è in qualche modo trascinato fino al terzo millennio.Lo sforzo non gli è stato fatale, ma quasi, e comunque potete sempre aspettare seduti sulla riva del fiume. Nella sua vita ha fatto molti mestieri, che a leggerne l’elenco ci si raccapezza poco perfino lui: assistente universitario di quattro discipline diverse (storia economica, diritto privato comparato, eocnomia politica e marketing), vice export manager di un’importante società petrolifera, consulente aziendale, giornalista, editore, affittacamere e scrittore. Ha pubblicato una settantina di articoli scientifici o culturali, tradotti in sei lingue europee, due saggi (Denaro ed Emergenza Fame, quest’ultimo pubblicato insieme a Famiglia Cristiana), due romanzi e una trentina di racconti di fantascienza, sei romanzi e una decina di racconti gialli, più un fritto misto di altri racconti difficili da definire.Negli ultimi anni si è scoperto la voglia di tradurre grandi autori, per il piacere di fare da tramite fra loro e il pubblico italiano. Questo ha voluto dire mettere le mani in molte lingue (tutte indoeuropee, peraltro). Il conto finora è arrivato a quindici. Non è che le parli tutte, ma oggi c’è il Web che per chi lo sa usare è anche un colossale dizionario pratico. L’essenziale è rendere attuali questi scrittori e i loro racconti, sfuggire all’aura di erudizione letteraria che infesta l’accademia italiana, e produrre qualcosa che sia divertente da leggere. Algama sta ripubblicando le sue opere in ebook, a partire dalla serie dei romanzi con protagonista il colonnello De Valera.

Leggi anche

Fitch sonda i finanzieri sulla Brexit

Un sondaggio mostra che il maggiore timore degli investitori in Europa è la geopolitica Non …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi