Home / Brera Dixit / Quegli ultra-privatizzatori dei sauditi

Quegli ultra-privatizzatori dei sauditi

Quando un miliardario finisce in guai finanziari, di solito non riceve molta simpatia. L’Arabia Saudita è un’eccezione: oggi è nelle peste, ma riscuote enorme interesse e simpatia presso gli investitori internazionali il suo piano per uscire dai problemi – Visione 2030, imperniato su un gigantesco programma di privatizzazioni. Gli uomini del denaro sono pronti a dorare la riga finale dei loro bilanci con i preannunciati lauti guadagni.

I problemi dei sauditi vengono dalla stessa cosa che fino all’altro ieri ne ha fatto la gioia e la ricchezza: il petrolio. Una volta rendeva un sacco, oggi molto meno: un barile costa 50 dollari. Negli anni d’oro (oro nero, si capisce) lo Stato saudita si è comprato il consenso della popolazione con le rendite petrolifere, per cui adesso il bilancio di Riyadh è in rosso fiamma. Smetterebbe di fare acqua se il prezzo del barile fosse a 75. I 25 dollari che mancano si tramutano in un enorme deficit pubblico.

Di qui l’idea di privatizzare. Il piano è colossale. È previsto l’incasso di circa 200 miliardi di dollari, il che ne fa il più grande programma di privatizzazione al mondo da che è finito il grande party russo degli anni Novanta. Nemmeno le celebri vendite di Margaret Thatcher reggono il confronto.

Le privatizzazioni dovrebbero cancellarlo e spingere il Paese verso uno sviluppo meno squilibrato. Allah ha posto in Arabia sterminate ricchezze minerarie (idrocarburi ma anche oro, uranio e fosfati), però nel Corano non c’è per niente scritto che i fedeli hanno il diritto di non lavorare. Le cessioni permetteranno di coprire le spese dello Stato e in più generare risorse per lo sviluppo dell’industria e della tecnologia.

Il segno “In vendita” (للبيع in arabo) è oggi attaccato alle imprese più diverse: petrolio, elettricità, acqua, trasporti, supermercati, scuole e perfino ospedali e squadre di calcio. Ce n’è per tutti e molti si stanno già precipitando nel Regno per annusare l’aria odorosa di buon affari. La prima tappa è la Saudi Aramco, per decenni la compagnia petrolifera top al mondo, parte delle cui azioni saranno collocate presso il pubblico e poi quotate alla Borsa di Riyadh e a quella di New York.

Nelle intenzioni dell’erede al trono, Muhammad bin Salman, artefice di Visione 2030, il punto d’approdo sarà un’Arabia Saudita finanziariamente stabile, con un fiorente settore privato e un’economia più diversificata. Già oggi i sauditi sono molto avanti nello sfruttamento delle energie alternative, come il solare e l’eolico, per cui  hanno condizioni molto favorevoli (non si può dire che “piove sul bagnato” perché sembrerebbe di sfottere, in un Paese in cui il deserto occupa il 90% del territorio). Anche in questi campi la privatizzazione aprirà opportunità di business internazionali.

Paolo Brera

 

 

 

Chi è Paolo Brera

Paolo Brera è nato nel secolo scorso, non nella seconda metà che sono buoni anche i ragazzini, ma nell’accidentata prima metà, quella con le guerre e Charlie Chaplin. Poi si è in qualche modo trascinato fino al terzo millennio.Lo sforzo non gli è stato fatale, ma quasi, e comunque potete sempre aspettare seduti sulla riva del fiume. Nella sua vita ha fatto molti mestieri, che a leggerne l’elenco ci si raccapezza poco perfino lui: assistente universitario di quattro discipline diverse (storia economica, diritto privato comparato, eocnomia politica e marketing), vice export manager di un’importante società petrolifera, consulente aziendale, giornalista, editore, affittacamere e scrittore. Ha pubblicato una settantina di articoli scientifici o culturali, tradotti in sei lingue europee, due saggi (Denaro ed Emergenza Fame, quest’ultimo pubblicato insieme a Famiglia Cristiana), due romanzi e una trentina di racconti di fantascienza, sei romanzi e una decina di racconti gialli, più un fritto misto di altri racconti difficili da definire.Negli ultimi anni si è scoperto la voglia di tradurre grandi autori, per il piacere di fare da tramite fra loro e il pubblico italiano. Questo ha voluto dire mettere le mani in molte lingue (tutte indoeuropee, peraltro). Il conto finora è arrivato a quindici. Non è che le parli tutte, ma oggi c’è il Web che per chi lo sa usare è anche un colossale dizionario pratico. L’essenziale è rendere attuali questi scrittori e i loro racconti, sfuggire all’aura di erudizione letteraria che infesta l’accademia italiana, e produrre qualcosa che sia divertente da leggere. Algama sta ripubblicando le sue opere in ebook, a partire dalla serie dei romanzi con protagonista il colonnello De Valera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo store di Fronte del Blog è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi